Carsenza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
(LMO)

« El primm de l'ann se comenza, a mangià la carsenza. »

(IT)

« A Capodanno si comincia, mangiando la carsenza »

(Giovanni Rajberti)
Carsenza
Carsenza
Origini
Altri nomicarsensa
carsenza del prim de l'an
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneLombardia
Diffusioneprovinciale
Zona di produzionecittà di Milano e zone limitrofe
Dettagli
Categoriadolce
Ingredienti principali
  • farina
  • mele
  • uva
  • zucchero
  • burro
 

La carsenza (in dialetto milanese carsensa o carsenza del prim de l'an) è un dolce di Milano tipico delle festività natalizie. In particolare, per tradizione, si consuma nel giorno di Capodanno[1][2][3].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

"Carsenza", in dialetto milanese, significa "crescenza", indicando genericamente una focaccia di pasta lievitata che "cresce", "lievita"[4]. Il termine "carsenza" indica anche, sempre in dialetto milanese, il piccolo formaggio molle che è conosciuto anche come "stracchino". Le origini della carsenza sono umili, dato che affondano nella tradizione contadina. Era in genere consumata in autunno e per tutto l'inverno in particolar modo, per tradizione consolidata, a Capodanno.

La pasta utilizzata per preparare la carsenza era a lievitazione naturale, quindi senza lieviti aggiunti[5]. In genere era quella che avanzava ai panettieri dopo una settimana di preparazione del pane. Questa pasta veniva di nuovo lavorata aggiungendo farina, acqua, mele e uvetta. Le mele erano le prime che maturavano sugli alberi, mentre l'uva era l'ultima che si ricavava dalla vendemmia autunnale e che veniva poi essiccata a formate l'uvetta. In seguito, con il miglioramento del tenore di vita, alla ricetta originaria sono stati aggiunti lievito di birra, burro, zucchero, pere e fichi secchi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Annalisa Panigada, “CARSENZA” (PDF), su anticacredenzasantambrogiomilano.org. URL consultato il 4 giugno 2018.
  2. ^ Maria Avitabile, La Carsenza, antico dolce di Capodanno, su milanofree.it. URL consultato il 4 giugno 2018.
  3. ^ Vocabolario milanese-italiano, su books.google.it. URL consultato il 4 giugno 2018.
  4. ^ PROFUMO E SAPORE : IL PANE COME UNA VOLTA (PDF), su lacascinaincittaarmate.it. URL consultato il 4 giugno 2018.
  5. ^ Luca Crepaldi, La Carsensa: un dolce povero della tradizione contadina milanese, su parconaviglio.com. URL consultato il 4 giugno 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]