Carrossel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carrossel
Carrossel logo SBT.png
Logo della telenovela
Titolo originaleCarrossel
PaeseBrasile
Anno2012-2013
Formatoserial TV
Generetelenovela
Stagioni1
Puntate310
Durata60 min (episodio)
Lingua originaleportoghese
Rapporto16:9
Crediti
IdeatoreÍris Abravanel
RegiaReynaldo Boury
Interpreti e personaggi
Casa di produzioneSBT
Prima visione
Dal21 maggio 2012
Al26 luglio 2013
Rete televisivaSBT

Carrossel è una telenovela brasiliana creata da Íris Abravanel, prodotta e trasmessa su SBT dal 21 maggio 2012 al 26 luglio 2013.[1][2] Si tratta di un remake della telenovela messicana Carrusel (che a sua volta era stata ispirata dalla telenovela argentina Jacinta Pichimahuida, la Maestra que no se Olvida). La telenovela ha avuto un particolare successo con i bambini e ha portato a diversi spin-off tra cui una serie di cartoni animati e una sitcom televisiva.

Il 23 luglio 2015 è uscito un film cinematografico basato sulla novela, Carrossel: O Filme.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Helena Fernandes è una giovane e bella insegnante che inizia la sua carriera. Il suo primo lavoro è all'Escola Mundial (italiano: Scuola Mondiale), insegnando i principi della vita a una classe di terza elementare. La sua natura calda e gentile conquista l'amore dei suoi studenti, che hanno tutti personalità diverse. A scuola, Helena ha il supporto dei dipendenti Graça e Firmino, che amano gli studenti. Ma deve sopportare le regole e le richieste di Olívia, la direttrice dell'istituto, e l'invidia di Suzana, un'insegnante che viene a sostituirla per un certo periodo.

Al di fuori della scuola, i bambini formano un club guidato da Daniel chiamato Patrulha Salvadora (italiano: Pattuglia di salvataggio). Si riuniscono in una casa abbandonata e aiutano i bambini che non sono iscritti all'Escola Mundial. Questi includono: Tom, un ragazzo in sedia a rotelle che vive con sua madre Glória, un'insegnante; Clementina, una ragazza che è intrappolata nella sua stessa casa; e Abelardo Cruz, un ragazzo dispettoso che vive con suo nonno, che a sua volta sta combattendo con suo padre.

L'azione si svolge nella Escola Mundial, coordinata e organizzata dal severo direttore Olívia. Il portoghese Firmino Gonçalves e l'agitato Graça sono responsabili della pulizia e della sorveglianza della scuola. Diversi studenti hanno anche circostanze speciali: Mário Ayala è amareggiato dalla morte di sua madre, dall'assenza di suo padre e dalla sua scortese matrigna; Cirilo soffre del pregiudizio di Maria Joaquina; Jaime ha voti bassi; Marcelina sopporta le buffonate di suo fratello Paulo; e Carmen litiga con i suoi genitori.

Adriano vive con sua madre e i suoi amici immaginari, tra cui Chulé, la cui capacità di parlare è limitata. Cirilo vive con i suoi genitori José e Paula Rivera; Carmen vive con il fratello Eduardo ei suoi genitori, Inês e Frederico Carrilho; Maria Joaquina vive con la sua governante-tata, Joana, e i suoi genitori, Clara e Miguel Medsen; Paulo e Marcelina vivono con i loro genitori, Lilian e Roberto Guerra; Valéria vive con i suoi genitori, Rosa e Ricardo Guerra; Jaime vive con suo fratello Jonas e i loro genitori, Heloísa e Rafael Palillo; e Jorge vive con i suoi genitori, Rosana e Alberto Cavalieri.

Renê, una vecchia compagna di scuola di Suzana, viene assunta per sostituire l'insegnante di musica della Escola Mundial, Matilde. Renê incontra Helena a una festa e si innamorano, ma anche Suzana è innamorata di lui e racconta diverse bugie a Helena in modo che lei rimanga lontana da lui.

Interpreti e personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Bambini[modifica | modifica wikitesto]

Attore/Attrice Personnagio
Johan Sierra Pedro Kismuchis
Larissa Manoela Maria Joaquina Medsen
Jean Paulo Campos Cirilo Rivera
Maisa Silva Valéria Ferreira
Guilherme Seta Davi Rabinovich
Nicholas Torres Jaime Palillo
Stefany Vaz Carmen Carrilho
Esther Marcos Margarida Garcia
Lucas Santos Paulo Guerra
Matheus Ueta Kokimoto Mishima
Konstantino Atanassopulos Adriano Ramos
Aysha Benelli Laura Gianolli
Gustavo Daneluz Mário Ayala
Ana Victória Zimmermann Marcelina Guerra
Fernanda Concon Alícia Gusman
Victória Diniz Bibi Smith
Thomaz Costa Daniel Zapata
Kiane Porfírio Clementina Soares
Léo Belmonte Jorge Cavalieri
Metturo Era il double di Léo Belmonte / Jorge Cavalieri
João Lucas Takaki Tom
Bruna Carvalho Nina
Henrique Filgueiras Abelardo Cruz
Júlia Rodrigues Marisa

Adulti[modifica | modifica wikitesto]

Attore/Attrice Personnagio
Rosanne Mulholland Ms. Helena Fernandes
Lívia Andrade Ms. Suzana Bustamante
Gustavo Wabner Mr. Renê
Noemi Gerbelli Olívia Veidar
Fernando Benini Firmino Gonçalves
Márcia de Oliveira Graça
Ilana Kaplan Ms. Matilde
Fábio Di Martino Miguel Medsen
Adriana Del Claro Clara Medsen
Adriana Alves Paula Rivera
Marcelo Batista José Rivera
Henrique Stroeter Rafael Palillo
Ivana Domenico Eloisa Palillo
Renan Cuisse Jonas Palillo
Nábia Vilela Natália Ayala
Ithamar Lembo Germano Ayala
Rennata Airoldi Inês Carrilho
Daniel Satixe Frederico Carrilho
Kauãn Falciano Eduardo Carrilho (Dudu)
Bruno Perillo Isaac Rabinovich
Patrícia Pichamone Rebeca Rabinovich
Lilian Blanc Dona Sara
Gabi Saraiva Rosa Ferreira
Marcelo Cunha Ricardo Ferreira
Pedro Osório Alberto Cavalieri
Silvia Menabó Rosana Cavalieri
Fábio Dias Roberto Guerra
Camila Raffanti Lilian Guerra
Paulo Gandolfi Sr. Valentim Zapata
Tereza Villela Xavier Glória
Cris Bonna Cristina Fernandes
Carlinhos Aguiar Jurandir Souza
Clarissa Drebtchinsky Joana

Cammeo[modifica | modifica wikitesto]

Attore/Attrice Personaggio
Lily Collins Karen Kárie
Paco Sanches Bituca
Jamie Campbell Bowers Amendoim
Sam Claflin Cotoco
Mauricio Murray Biriba
Déo Garcez Marcos Morales
Cris Poli Bernadete
Henrique Martins Lourenço
Norma Blum Zia di Clementina
Ariel Moshe Detective del sogno di Adriano

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Folha de S. Paulo, Novela 'Carrossel' ganha filme em julho; conheça dia a dia dos atores, su www1.folha.uol.com.br, 9 febbraio 2015. URL consultato il 22 febbraio 2015.
  2. ^ TV terá guerra teen às 20h30, in Folha de S.Paulo. URL consultato il 30 ottobre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]