Carro etrusco di Monteleone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il Carro etrusco di Monteleone. New York, Metropolitan Museum of Art 03.23.1.

Il carro etrusco di Monteleone è un carro da parata datato al VI secolo a.C. e realizzato in Etruria (lunghezza: 209 cm; altezza: 130.9 cm). Rinvenuto casualmente da un contadino a Monteleone di Spoleto nel 1902, faceva parte del corredo funerario di una tomba a tumulo. Costruito in legno, cuoio, ferro e bronzo, il carro è decorato a sbalzo, bulino e con intarsi in avorio. È esposto dalla sua acquisizione nel 1903 nel Metropolitan Museum of Art di New York, Stati Uniti.

Contesto storico[modifica | modifica wikitesto]

Mappa dell'area di influenza della civiltà etrusca nel 755 a.C.

L'area denominata Etruria corrispondeva agli odierni territori della Toscana, dell'Umbria fino al fiume Tevere e del Lazio settentrionale, con propaggini in Liguria e verso la zona padana dell'Emilia-Romagna e della Lombardia. La civiltà etrusca, nata dalla cultura villanoviana, fiorì a partire dall'VIII secolo a.C. e fu definitivamente inglobata nella civiltà romana, a sua volta fortemente influenzata dagli Etruschi, al termine del I secolo a.C. Questo lungo processo di conquista e assimilazione culturale ebbe inizio con la data tradizionale della conquista di Veio da parte dei Romani nel 396 a.C.[1]

Descrizione e stile[modifica | modifica wikitesto]

Dettaglio di una ruota del carro.

I carri da parata venivano utilizzati in Etruria in occasioni particolari da personaggi appartenenti alle famiglie dominanti e poi depositati in contesti tombali come parte del corredo funerario. Il carro di Monteleone è decorato a sbalzo e a bulino sul pannello anteriore e sui due laterali. Si ritiene, ma esistono opinioni discordi, che le scene rappresentate sui pannelli principali e le decorazioni sussidiarie si riferiscano al ciclo troiano e a episodi della vita di Achille. Rappresentato con la madre Teti sul pannello anteriore, Achille riceve da quest'ultima l'elmo e lo scudo. Su uno dei due pannelli laterali l'eroe è rappresentato in combattimento con Memnone. L'apoteosi di Achille sull'altra fiancata del carro è iconografia più tipicamente etrusca. Come tutto l'artigianato artistico etrusco del periodo il carro mostra una forte influenza stilistica ionica.

Restauri[modifica | modifica wikitesto]

Rinvenuto in stato frammentario il carro è stato ricostruito seguendo altre fonti iconografiche subito dopo l'acquisizione da parte del Metropolitan Museum of Art.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bosi 1983, p. 55.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Roberto Bosi, Il libro degli etruschi, Milano, Bompiani Editore, 1983.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Etruschi Portale Etruschi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Etruschi