Carrello (armi)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una SP 2022 con carrello chiuso (sopra) e aperto (sotto). Il carrello è tenuto aperto dall'arresto del carrello

Il carrello è quella parte di un'arma da fuoco, posta nella maggioranza delle pistole semiautomatiche, che si muove durante l'operazione, e contiene il percussore, l'estrattore e serve come otturatore. È tenuto in posto da una molla così quando arriva alla massima apertura, la molla lo fa tornare alla posizione iniziale, caricando una nuova cartuccia dal caricatore.

Attraverso i principi del rinculo o della massa battente, il carrello è spinto indietro ad ogni colpo. Di solito questa operazione svolge tre operazioni: espulsione del bossolo vuoto, caricamento del cane, e il caricamento di una cartuccia nuova nella camera di cartuccia.

Una volta che il caricatore è vuoto, il carrello si blocca in posizione di massima apertura (nella maggior parte delle armi), finché l'arresto di carrello non è premuto. Se un caricatore è inserito prima del rilascio del carrello, un nuovo proiettile viene incamerato.

In alcune pistole l'arresto di carrello può essere usato per smontare la pistola per la pulizia, eliminando il bisogno di alti tipi di bloccaggio.

Di solito il carrello arma il cane dopo ogni sparo, ma nelle pistole ad azione doppia il cane può essere anche armato dalla pressione sul grilletto.

Una Colt M1911 DW Patriot bicolore, con carrello nero e castello nickelato

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enciclopedia delle pistole e delle rivoltelle, di A. E. Hartink, White star editrice, ISBN 88-540-0044-2
armi Portale Armi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di armi