Carpesica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carpesica
frazione
Carpesica – Veduta
La chiesa, il monumento ai caduti e il campanile
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneVeneto-Stemma.png Veneto
ProvinciaProvincia di Treviso-Stemma.png Treviso
ComuneVittorio Veneto-Stemma.png Vittorio Veneto
Territorio
Coordinate45°56′55″N 12°17′22″E / 45.948611°N 12.289444°E45.948611; 12.289444 (Carpesica)Coordinate: 45°56′55″N 12°17′22″E / 45.948611°N 12.289444°E45.948611; 12.289444 (Carpesica)
Altitudine170[1] m s.l.m.
Abitanti1 370[2]
Altre informazioni
Cod. postale31029
Prefisso0438
Fuso orarioUTC+1
Patronosan Daniele profeta
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Carpesica
Carpesica

Carpesica (Carpésega in veneto) è una frazione del comune di Vittorio Veneto, in provincia di Treviso.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Carpesica è posta su un colle che continua quello su cui si concentra il centro di Ogliano di Conegliano, con cui confina sul versante sud. A est si apre sulla vallata del vittoriese, dove si estende la grande zona industriale di San Giacomo di Veglia. A nord, Carpesica è tagliata dall'Autostrada A27, che la divide dall'altra frazione, Cozzuolo, e da Ceneda. Infine, a ovest, l'area paesaggisticamente più rilevante, con l'ampia vallata coperta di vigne e case rurali, che si apre sui colli di Formeniga e di Confin.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sotto il Regno Lombardo-Veneto rappresentò una frazione del comune di San Giacomo di Veglia e, con la soppressione di quest'ultimo, di Ceneda.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Daniele[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa, posta in luogo leggermente rialzato rispetto al centro abitato (che guarda sulla vallata di Vittorio Veneto), ha veduta panoramica sui colli di Manzana e Formeniga; vi si accede attraverso il viale che collega la chiesa al cimitero. Divenuta parrocchiale nel 1713, ha assunto l'attuale aspetto solo a partire dal 1826, per essere completata nei primi decenni del Novecento.
Esternamente, la chiesa si presenta con facciata a salienti, con quattro paraste bianche a delimitare i tre diversi volumi, intonacati di giallo. La parte centrale termina con un timpano. Una finestra a mezzaluna sovrasta il portale, anch'esso timpanato.
L'interno, a tre navate e reso luminoso dalle finestre delle pareti laterali, è abbellito da ampie arcate a tutto sesto e da marmi policromi.

Monumento ai caduti e campanile[modifica | modifica wikitesto]

Nel cortile antistante la chiesa, presso il parapetto della terrazza che, ombreggiata da cipressi, guarda sulle vigne e su Formeniga, è posta una colonna votiva in ricordo dei caduti di carpesica nella Grande Guerra. Tre gradini sostengono un basamento con affisse sui quattro lati le lapidi marmoree con foto e nomi delle vittime, su cui si alza la colonna, coronata da un'aquila spiccante il volo.
Sul lato opposto del cortile, il campanile, edificio più recente della chiesa, innalzato nel secondo Ottocento. Il parallelepipedo, forato a livello della cella campanaria da una bifora per lato, è caratteristico per due ragioni: la terminazione a corona, e l'inconfondibile orologio dal singolare fondo azzurro circondato da una fascia bianca.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fonte: ISTAT.
  2. ^ In assenza di dati ufficiali precisi, si è fatto riferimento alla popolazione della parrocchia locale, reperibile nel sito della CEI.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Veneto Portale Veneto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Veneto