Arteria carotide esterna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Carotide esterna)
Jump to navigation Jump to search
Arteria carotide esterna
External carotid artery.png
carotide esterna e rami collaterali
Anatomia del Gray(EN) Pagina 551
Nome latinoarteria carotis externa
SistemaApparato circolatorio
Originearteria carotide comune
Rami collateraliarteria tiroidea superiore

arteria faringea ascendente
arteria linguale
arteria facciale
arteria occipitale

arteria auricolare posteriore
Rami terminaliarteria temporale superficiale
arteria mascellare
Identificatori
MeSHA07.231.114.186.200.210
TAA12.2.05.001
FMA10635

L'arteria carotide esterna è una grande arteria della testa e del collo che origina dalla carotide comune; questa si biforca a livello della giunzione tra C3 e C4 dando origine alla carotide interna e alla carotide esterna.

Decorso generale[modifica | modifica wikitesto]

Poco dopo l'origine si flette verso avanti allontanandosi dalla carotide interna, passando prima anteromedialmente a essa e successivamente lateralmente, per portarsi in alto passando tra il processo mastoideo e l'angolo della mandibola, mantenendosi superficiale rispetto alla carotide interna. Oltre questo punto si divide in arteria mascellare interna e arteria temporale superficiale, i suoi rami terminali.

Nell'ambito del triangolo carotideo, si trova profondamente a: cute, fascia superficiale, ansa tra ramo cervicale del nervo faciale e il nervo cutaneo trasverso del collo, fascia cervicale profonda e margine anteriore del muscolo sternocleidomastoideo; l'arteria è, inoltre, incrociata dal nervo ipoglosso (e dalla sua vena satellite), dalla vena linguale, dalla vena faciale e, talvolta, dalla vena tiroidea inferiore. Fuori dal triangolo carotideo passa tra il ventre posteriore del muscolo digastrico e il muscolo stiloioideo, fino a entrare nella ghiandola parotide. All'interno della parotide si trova medialmente al nervo faciale e alla convergenza delle vene mascellare e temporale superficiale.

Nel suo tratto iniziale, l'arteria contrae rapporto medialmente con la faringe, il nervo laringeo superiore e l'arteria faringea ascendente.

A un livello più alto, è separata dalla carotide interna dal nervo glossofaringeo, dal muscolo stilofaringeo, dal processo stiloideo, dal muscolo stiloglosso, dal muscolo stilofaringeo, dal ramo faringeo del vago e da parte della parotide stessa.

L'arteria possiede 8 rami specifici che si distribuiscono alla testa e al collo:

Variabilità interindividuale[modifica | modifica wikitesto]

L'arteria carotide esterna può avere diverse origini e nascere da tronchi diversi da quelli riportati nei testi di anatomia normale. Sono stati riportati casi in cui l'arteria carotide esterna origina:[1]

Secondo Lucev[2], nella maggior parte dei casi, l'arteria carotide esterna origina:

Essa origina i suoi rami terminali circa 4 centimetri al di sopra dell'angolo della mandibola.

Va aggiunto che a volte l'arteria carotide esterna termina più inferiormente; per questo Livini[3] suggerisce un intervallo che oscilla tra 1,5-5,5 cm a partire dall'angolo della mandibola.

Topografia[modifica | modifica wikitesto]

In base alla sua posizione, l'arteria carotide esterna viene suddivisa in due segmenti:

  • segmento o porzione inferiore, superficiale, di facile accesso chirurgico;
  • segmento o porzione superiore, profondo, in stretto rapporto con la ghiandola parotide.

Segmento chirurgico - verticale[modifica | modifica wikitesto]

Comprende l'arteria carotide esterna che:

Entro questi limiti, l'arteria carotide esterna si trova in una loggia, denominata loggia carotidea, così delimitata:

Loggia carotidea della regione carotidea: limiti
Parete Strutture anatomiche Fonte
Posteriore [4]
Medialmente
Antero-lateralmente

Durante il suo decorso, si allontana dalla parete posteriore e antero-laterale tracciando un arco, concavo anteriormente: questo spiega perché nel suo tratto iniziale l'arteria carotide esterna è interna all'arteria carotide interna.

Dissezione anatomica e triangolo di Farabeuf[modifica | modifica wikitesto]

Individuazione dell'arteria carotide esterna.

In dissezione anatomica, è possibile evidenziare l'arteria carotide esterna operando i seguenti passaggi:

Grazie a strutture vascolari e nervose saremo in grado di descrivere i rapporti dell'arteria carotide comune alla sua origine. Queste strutture formano un vero e proprio triangolo, che prende l'eponimo dal primo che lo descrisse.

Il triangolo di Farabeuf è così descritto nei testi di anatomia topografica:

  • base, verticale e posteriore: corrispondente alla vena giugulare esterna;
  • cateto inferiore: tronco venoso tireo-linguo-faringo-faciale di Farabeuf;
  • cateto superiore, obliquo latero-anteriormente: nervo ipoglosso.
  • apice superficiale, sito nella regione mascellare, determinato dall'incrocio del nervo ipoglosso con la vena facciale (più superficiale).
Regione laterale del collo. Il triangolo carotideo è compreso: 1. Posteriormente, dal margine anteriore del muscolo sternocleidomastoideo; 2. Inferiormente, dal ventre anteriore del muscolo omoioideo; 3.Superiormente, dal muscolo stiloioideo e e dal ventre posteriore del muscolo digastrico.

All'interno del triangolo di Farabeuf il nervo ipoglosso si porta posteriormente all'arteria carotide interna ed infine raggiunge la sua faccia laterale interponendosi tra questa e la vena giugulare interna.

Nel triangolo, il primo vaso arterioso che si nota è paradossalmente l'arteria carotide interna, che in questo tratto è più esterna e mediale rispetto all'arteria carotide esterna. Essa si affianca postero-lateralmente alla base del triangolo di Farabeuf.

Superficialmente all'arteria carotide interna troviamo:

Profondamente all'arteria carotide interna troviamo:

L'arteria carotide esterna, inoltre, a differenza dell'arteria carotide interna, in questo triangolo origina la sua prima serie di collaterali:

  1. L'arteria tiroidea superiore (a livello della sua origine dalla carotide comune);
  2. L'arteria linguale (dalla faccia anteriore del vaso);
  3. L'arteria faciale (dalla faccia anteriore del vaso);
  4. L'arteria occipitale (dalla faccia posteriore del vaso);
  5. L'arteria faringomeningea (dalla faccia mediale del vaso).

Segmento profondo - obliquo[modifica | modifica wikitesto]

Risalendo verso la regione stiliena cervicale, l'arteria carotide esterna cambia direzione e diventa più posteriore e laterale. Superata la faccia mediale del ventre posteriore del muscolo digastrico, l'arteria entra nella regione topografica stiliena e contrae rapporti con i muscoli del fascio di Riolano. Più precisamente essa viene circondata:

Prima di giungere alla ghiandola parotide, curva leggermente in direzione antero-laterale e giunge nelle vicinanze delle tonsille.

Decorso intraparenchimale[modifica | modifica wikitesto]

L'arteria carotide esterna decorre verticalmente lungo lo stroma della ghiandola parotide e può contrarre rapporti più o meno diretti con i linfonodi parotidei. Lateralmente all'arteria e sempre nello spessore della ghiandola, troviamo:

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Testut-Latarjet, Angiologia, UTET, p. 706.
  2. ^ Lucev N, Bobinac D, Maric I, Drescik I., Variations of the great arteries in the carotid triangle., in Otolaryngol Head Neck Surg 2000, vol. 122, 590-1.
  3. ^ Testut-Latarjet, Angiologia, UTET, p. 707.
  4. ^ Testut-Latarjet, Angiologia, UTET, p. 709.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Anatomia Portale Anatomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anatomia