Carolina Ferni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carolina Ferni

Carolina Ferni (Como, 20 agosto 1846Milano, 4 giugno 1926) è stata una violinista e cantante italiana. [1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di Luigi e di Francesca Casati.

Seguì gli insegnamenti di G. Gamba e di F. Bianchi per il violino, e da giovane si recò a Parigi per un corso di violino con J. Allard, Ch. de Beriot, H. Vieuxtemps; successivamente studiò a Bruxelles sotto la guida di H. Léonard, assieme alle sorelle minori Virginia e Vincenzina.

Nel primi anni '50, le sorelle Ferni formarono un duo che si esibi in molti teatri europei, culminato con il concerto del 15 maggio 1854 al Teatro Regio di Torino.[1] Carolina Ferni si esibì sia con Virginia sia con Vincenzina.[2]

Carolina Ferni in seguito intraprese studi di canto con il famoso soprano Giuditta Pasta, che le aprirono le porte alla carriera di cantante. E difatti il suo esordio avvenne a Torino con l'opera La favorita, nel ruolo di Leonora. Riscosse grandi consensi con le opere Norma, Saffo, Africana. Nella opera di Mercuri Il violino del Diavolo, si esibì nella duplice veste di cantante e di violinista.

Trasferitasi nel 1889 in Russia, ottenne il ruolo di maestra di canto nel Teatro Imperiale, che conservò per circa trentaquattro anni.[3]

Rientrata in Italia, soggiornò a Torino per dedicarsi ancora all'insegnamento.

In un breve periodo di permanenza a Milano ebbe come allievi Caruso, E. Burzio, oltreché il figlio Eugenio, che diventò un noto cantante.[3]

Si sposò con il baritono Leone Giraldoni, assieme al quale si esibì numerose volte.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alfredo Comandini, L'italia nei cento anni del secolo XIX, Tomo III 1850-1860, Antonio Vallardi Editore, Milano, 1907-1918
  2. ^ Carolina Ferni, in Dizionario biografico degli italiani, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 4 maggio 2018.
  3. ^ a b Andrea Della Corte e Guido M. Gatti, Dizionario di musica, Torino, Paravia, 1956, p. 219.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • V. Frajese, Dal Costanzi all'Opera, Roma, 1978.
  • M. Rinaldi, Due secoli di musica al teatro Argentina, Firenze, 1978.
  • A. Brocca, Il teatro Carlo Felice di Genova, Sala Bolognese, 1981.
  • A. Basso, Il conservatorio di musica "Giuseppe Verdi, Torino, 1971.
  • P. E. Ferrari, Spettacoli drammatico-musicali e coreografici, in Parma dall'anno 1628 all'anno 1883, Parma, 1884, pp. 152-294.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN23880083 · ISNI (EN0000 0000 3525 1222 · LCCN (ENn97038492
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie