Carnival Splendor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carnival Splendor
Carnival Splendor 2009.jpg
Carnival Splendor a Victoria nel 2009
Descrizione generale
Flag of Panama.svg
Tiponave da crociera
ClasseConcordia
ArmatoreCarnival Cruise Line
ProprietàCarnival Corporation & plc
Porto di registrazionePanama
Identificazionenominativo internazionale ITU:
Three
3
Echo
E
Uniform
U
Sierra
S
(Three-Echo-Uniform-Sierra)

Numero MMSI: 372808000
Numero IMO: 9333163

CostruttoriFincantieri
CantiereSestri Ponente (GE), Italia
Varo3 agosto 2007
Completamento28 giugno 2008
Entrata in servizio10 luglio 2008
Caratteristiche generali
Stazza lorda113323 tsl
Lunghezza290 m
Larghezza35,5 m
Pescaggio8,3 m
Velocità21 nodi (38,89 km/h)
Equipaggio1150
Passeggeri3006
voci di navi passeggeri presenti su Wikipedia

Carnival Splendor è una nave da crociera della compagnia Carnival Cruise Line, costruita dalla Fincantieri presso il cantiere navale di Sestri Ponente di Genova, e varata il 3 agosto 2007. È una versione leggermente modificata della classe Concordia di Costa Crociere. Infatti la nave era stata progettata, in origine, per la compagnia di navigazione italiana, ed è simile nel progetto a Costa Concordia, Costa Serena, Costa Pacifica, Costa Favolosa e Costa Fascinosa, ma ha una Spa più grande e strutture per bambini.

Nel 2016 entrò in bacino di carenaggio, dove fu rimessa a nuovo e vennero costruite le Captain Suite.

La nave attualmente è ritornata ad effettuare crociere lungo la West Coast americana, grazie all'allargamento del Canale di Panama. A fine 2019 si unirà a Carnival Spirit e Carnival Legend nella flotta Carnival Australia.

Incidenti[modifica | modifica wikitesto]

Un elicottero statunitense porta rifornimenti a bordo della nave durante l'incidente del 2010

Il 9 novembre 2010, mentre la nave era in navigazione nel Pacifico al largo del Messico, con a bordo 4.500 passeggeri, un incendio in sala macchine determinò una perdita di potenza e la nave rimase alla deriva; i passeggeri furono soccorsi ed evacuati grazie all'intervento della Guardia Costiera e della Marina statunitensi, che contribuirono anche ai necessari rifornimenti di generi di prima necessità a bordo[1][2].

Navi gemelle[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Incendio su Carnival Splendor al largo Messico - Crociere e Traghetti - Mare - ANSA.it, su www.ansa.it. URL consultato il 10 gennaio 2018.
  2. ^ (EN) Last passengers leave 'nightmare' cruise ship, in msnbc.com, 12 novembre 2010. URL consultato il 10 gennaio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]