Questa pagina è semiprotetta. Può essere modificata solo da utenti registrati

Carnaroli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Riso Carnaroli
Grano del Arroz Carnaroli.jpg
Chicchi di riso Carnaroli
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioniLombardia
Piemonte
Emilia-Romagna
Dettagli
Categoriaortofrutticolo
SettoreProdotti vegetali allo stato naturale o trasformati

Il Carnaroli è una varietà di riso a chicco lungo, selezionato per qualità organolettiche e resistenza alla cottura.

Storia

La storia del Carnaroli sembra iniziare negli anni 1939-1945[1], grazie all'incrocio tra il Vialone Nero [2] e il Lencino a seguito dei numerosi tentativi effettuati nelle risaie di Paullo di proprietà di Ettore de Vecchi.[3][1][4][5] Non è chiaro se il lavoro di de Vecchi fosse stato coadiuvato da un genetista e supportato da Emiliano Carnaroli, allora commissario governativo dell'Ente Nazionale Risi.[1][2] La denominazione pare legata al nome di un contadino che lavorava con il de Vecchi[1] o al desiderio di intitolarlo all'omonimo dirigente dell'Ente nazionale risi[6].

La prima iscrizione della varietà Carnaroli al Registro Varietale è del 1974 con responsabile della conservazione in purezza Achille de Vecchi di Paullo, cugino dell'ibridatore Ettore.[1][2]

Nel 1983, dopo che i compiti di conservazione furono passati all'Ente Nazionale Risi[1], venne reiscritto nel registro nazionale e il responsabile della conservazione in purezza divenne lo stesso Ente Nazionale Risi.[4]

Descrizione

Riso Carnaroli con tartufo

È una varietà molto adatta alla produzione di risotto, grazie alla sua elevata capacità di assorbire i condimenti. È diverso dal più comune riso Arborio per il maggiore contenuto di amido, la consistenza più soda e il chicco più lungo. Il riso Carnaroli ha un'ottima resistenza alla cottura, perché presenta maggiori quantità di amilosio. Appartiene alla classe del riso "superfino" e spesso è chiamato "Re dei risi".

Come accade per altre note varietà di riso commercializzate in Italia (Baldo, Arborio, Rosa Marchetti), a causa della legge n. 325 del 18 marzo 1958 [7] (e successivi aggiornamenti) sotto il nome Carnaroli possono essere vendute anche altri risi superfini (come ad esempio il Carnise o il Keope)[8][9][10], dalle caratteristiche simili.

Si produce nei terreni coltivati a risaia della Lomellina, in Lombardia[8], nel Delta del Po e anche in Piemonte.

Note

  1. ^ a b c d e f Note e osservazioni storiche sul riso Carnaroli (PDF), su fidaf.it.
  2. ^ a b c Riso Carnaroli, su Gustorotondo, 24 maggio 2018. URL consultato il 16 maggio 2020.Riso Carnaroli
  3. ^ Humus: rivista mensile di meccanizzazione agricola, Volume 4, 1948, p. 34.
  4. ^ a b Caratterizzazione sensoriale e chimico-merceologica di risi (III) (PDF), su enterisi.it, ERSAF, 2015. URL consultato il 6 aprile 2020.
  5. ^ Il riso di Paullo, su Gustariso - In riso veritas. URL consultato il 7 maggio 2020.
  6. ^ Tutti vogliono il Carnaroli, in La Stampa, 28 giugno 1987.
    «Il merito è dell'azienda agricola "de Vecchi" di Paullo (Milano) che decise di battezzare la nuova varietà con il nome di un dirigente dell'Ente nazionale risi, appunto Carnaroli»
  7. ^ legge n. 325 del 18 marzo 1958
  8. ^ a b Andrea Tibaldi, Riso Carnaroli, su Cibo360.it. URL consultato il 17 maggio 2018.
  9. ^ Si fa presto a dire Carnaroli! Parte 1: il problema delle griglie e l'introduzione della dicitura "Classico", su Acquabuona Rivista enologica online. URL consultato il 9 gennaio 2020.
  10. ^ Dario Bressanini, l’Arborio? Mai mangiato, e forse neanche il Carnaroli, su bressanini-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it, 28 maggio 2015. URL consultato il 9 gennaio 2020.

Altri progetti