Carmine Mensorio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carmine Mensorio

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature VIII, IX, X e XI
Gruppo
parlamentare
Democratico Cristiano
Collegio Napoli
Sito istituzionale

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XII
Gruppo
parlamentare
Centro Cristiano Democratico
Collegio 9 Boscotrecase-Nola
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana
Titolo di studio Laurea in medicina e chirurgia
Professione medico chirurgo

Carmine Mensorio (Saviano, 9 settembre 1938Ancona, 16 agosto 1996) è stato un politico italiano e medico-chirurgo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La formazione e la carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Divenne professore ordinario di anatomia presso la facoltà di medicina della Seconda Università degli Studi di Napoli e direttore dell'ISEF. Iniziò la sua carriera politica venendo eletto consigliere regionale nel 1975, il più votato nelle liste della Democrazia Cristiana. Dal 1979 è deputato al parlamento sino al 1992. Nelle elezioni del 1994 ottiene una buona affermazione nelle liste del Polo delle Libertà in quota per il CCD, risultando uno dei senatori più votati in Campania. Durante quella legislatura diviene presidente di commissione bicamerale d'inchiesta sul caso di Ilaria Alpi.

L'inchiesta giudiziaria[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1996, viene coinvolto in un'inchiesta giudiziaria sul favoreggiamento di alcuni istituti di vigilanza privata attivi nell'agro nolano. Per tale motivo non è ricandidato dal Polo. Decise di correre alle elezioni con una lista propria, ottenendo 60.022 voti in tutta la regione Campania[senza fonte], non sufficienti tuttavia per entrare nell'assemblea di Palazzo Madama. Non avendo più l'immunità parlamentare, si rese latitante.

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Muore suicida il 16 agosto 1996, lanciandosi dalla nave che lo riportava dalla Grecia, a causa delle accuse di collusione con la camorra.[1] facendo ritrovare uno scritto dove asseriva "anche davanti al tribunale di Dio griderò la mia innocenza".[2]

Incarichi parlamentari[modifica | modifica wikitesto]

  • VIII Legislatura
    • componente della VIII commissione istruzione e belle arti (11 luglio 1979 - 11 luglio 1983)
  • IX Legislatura
    • componente della VIII commissione istruzione e belle arti (12 luglio 1983 - 1º luglio 1987)
  • X Legislatura
    • componente della VII commissione istruzione (4 agosto 1987 - 22 aprile 1992)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]