Carmiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Carmiano (disambigua).
Carmiano
comune
Carmiano – Stemma Carmiano – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione Puglia-Stemma it.png Puglia
Provincia Provincia di Lecce-Stemma.png Lecce
Amministrazione
Sindaco Giancarlo Mazzotta (Lista civica Insieme) dal 30/03/2010
Territorio
Coordinate 40°20′45.96″N 18°02′45.96″E / 40.3461°N 18.0461°E40.3461; 18.0461 (Carmiano)Coordinate: 40°20′45.96″N 18°02′45.96″E / 40.3461°N 18.0461°E40.3461; 18.0461 (Carmiano)
Altitudine 31 m s.l.m.
Superficie 24,24 km²
Abitanti 12 208[1] (Popolazione residente al 1º gennaio 2015)
Densità 503,63 ab./km²
Frazioni Magliano
Comuni confinanti Arnesano, Copertino, Leverano, Novoli, Veglie
Altre informazioni
Cod. postale 73041
Prefisso 0832
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 075014
Cod. catastale B792
Targa LE
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti carmianesi
Patrono Madonna Nostra e san Vito Martire
Giorno festivo 16-18 agosto, quarta domenica di Ottobre e lunedì successivo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Carmiano
Carmiano
Posizione del comune di Carmiano all'interno della provincia di Lecce
Posizione del comune di Carmiano all'interno della provincia di Lecce
Sito istituzionale

Carmiano (Carmianu in dialetto salentino) è un comune italiano di 12 208 abitanti[2] della provincia di Lecce in Puglia.

È situato nel Salento, nel territorio settentrionale della provincia di Lecce. Rientra nel Parco del Negroamaro e dista 11 km dal capoluogo provinciale in direzione ovest.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Geografia della Puglia.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è inserito in un avvallamento del territorio denominato Valle della Cupa, posto in piena pianura salentina, a nord-ovest del capoluogo salentino da cui dista circa 11 km. È distante 15 km dalla costa ionica (Porto Cesareo) e 20 km dalla costa adriatica (San Cataldo).

Il territorio comunale, che si estende per 23,66 km², confina a nord con il comune di Novoli, a est con il comune di Arnesano, a sud con il comune di Leverano e a ovest con il comune di Veglie.

Il terreno su cui si sviluppa è prevalentemente pianeggiante ed è coltivato ad oliveti e vitigni vari da cui si producono rinomati olii e vini.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Clima della Puglia e Stazione meteorologica di Lecce Galatina.

Dal punto di vista meteorologico Carmiano rientra nel territorio del Salento orientale che presenta un clima mediterraneo, con inverni miti ed estati caldo umide. In base alle medie di riferimento, la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta attorno ai +9 °C, mentre quella del mese più caldo, agosto, si aggira sui +24,7 °C. Le precipitazioni, frequenti in autunno ed in inverno, si attestano attorno ai 626 mm di pioggia/anno. La primavera e l'estate sono caratterizzate da lunghi periodi di siccità.
Facendo riferimento alla ventosità, i comuni del Salento orientale sono influenzati fortemente dal vento attraverso correnti fredde di origine balcanica, oppure calde di origine africana[3].

Carmiano Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 12,6 13,2 15,0 18,3 22,6 26,8 29,2 29,6 26,2 21,8 17,6 14,2 13,3 18,6 28,5 21,9 20,6
T. min. mediaC) 5,6 5,8 7,2 9,5 13,1 17,0 19,5 19,9 17,3 13,7 9,9 7,1 6,2 9,9 18,8 13,6 12,1
Precipitazioni (mm) 71 60 65 40 33 20 16 22 49 80 97 74 205 138 58 226 627
Umidità relativa media (%) 78,7 78,2 77,8 77,3 76,2 72,9 70,9 72,4 76,5 79,2 80,5 80,3 79,1 77,1 72,1 78,7 76,7

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Storia del Salento.

Le origini di Carmiano sono incerte. Secondo alcuni il suo nome deriverebbe dal colore rosso carminio del territorio. Secondo altri storici, tra cui il De Giorgi, il Marciano, l'Arditi, il Coco e il Galateo, sarebbe tutto da far risalire al centurione romano Carminius, al quale il Senato romano donò 100 iugeri di terreno nella Messapia, e dopo la morte del centurione le sue terre, abitate dai suoi successori e da un numeroso gruppo di fedeli, presero il nome di Presidium Carmianensis o Carminianum e con la volgarizzazione successiva quindi Carmiano.

È incerta la collocazione in questo territorio della Diocesi di Carmeiano, citata in alcuni documenti tra il V e il VI secolo d.C., anche se appare più probabile l'ubicazione nel nord della Puglia.

Nel periodo di dominazione normanna (X-XI secolo) Carmiano fu dotata anche di uno stemma, che lo rappresenta tuttora. Dopo la caduta dell'Impero romano, Carmiano conobbe un periodo di grave crisi che terminò nel 1055, quando venne inclusa nella contea di Lecce, che a sua volta faceva parte del principato di Taranto. Nel 1445 quando Maria d'Enghien, contessa di Lecce, stilò il documento Statuta et capitula florentissimae civitatis Litii, Carmiano vi era inclusa come casale, che da circa sessant'anni era retto da un barone. Nel 1448, il paese fu acquistato dai padri celestini, che governarono il paese con grande laboriosità, ancora oggi si può osservare nel cinquecentesco Palazzo dei Celestini. Dopo quasi quattro secoli, in cui Carmiano conobbe il Regno di Napoli e il Regno delle due Sicilie, fino ad arrivare ad essere, nel 1861, comune del Regno d'Italia.

Il 3 settembre 1943 aerei alleati sganciarono su Carmiano diverse bombe, che esplosero tutte poco fuori il paese. Il popolo carmianese attribuì alla Madonna Immacolata il merito di averle deviate. L'8 settembre la notizia dell'Armistizio fu colta, dagli abitanti della frazione di Magliano, come una grazia ricevuta dalla Madonna. Infatti l'8 settembre i maglianesi celebravano una fiaccolata notturna dal paese alla cappella di campagna in devozione della natività della Vergine.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Carmiano-Stemma.png

Descrizione araldica dello Stemma:

« Scudo in cui campeggia, racchiuso in un medaglione sormontato da una corona aurea, un albero di pino con al centro della cima verde una stella d'oro ed ai piedi del tronco, ad una certa altezza dal terreno, due strisce parallele di colore marrone. »
(Comuni-Italiani.it)

Blasonatura del Gonfalone:

« Drappo con sfondo bianco e frangia dorata sostenuto da un'asta; sul drappo è riprodotto lo stemma del Comune di Carmiano, sotto lo stemma vi è stampigliato a lettere dorate il nome Carmiano. »
(Comuni-Italiani.it)

Lo stemma di Carmiano rappresenta un albero di Pino con al centro della chioma una stella e due strisce parallele separate tra loro tra la chioma e il terreno. L'origine dello stemma risale all'XI secolo, quando i Normanni imposero ad ogni paese di dotarsi di uno stemma caratteristico. I simboli rappresentati dallo stemma hanno il seguente significato: il pino, rappresenta l'albero diffuso nella zona del comune; le strisce parallele al terreno, raffigurano la linea dell'orizzonte da cui l'albero si stagliava (indicando la pianura del feudo); la stella, per ricordare l'origine nobile del comune (vedi il paragrafo relativo alla storia).

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa Madre[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa Madre, dedicata a Maria SS. Assunta, è una costruzione moderna ultimata nel 1961. Possiede una pianta a croce latina e al suo interno conserva due affreschi, raffiguranti gli apostoli Pietro e Paolo, databili al XVI secolo. Le due opere provengono dall'antica chiesa Matrice non più esistente.

Chiesa dell'Immacolata[modifica | modifica wikitesto]

Edificata nella metà del XVII secolo, è una chiesa di piccole dimensioni il cui stile architettonico predominante è quello barocco.

L'altare centrale, opera di Giuseppe Zimbalo, è un capolavoro del barocco leccese; sugli altari laterali ci sono tele di discreta importanza e bellezza. Nella chiesa sono seppelliti gli ultimi padri celestini, che quando furono spodestati dal governo della cittadina nel 1806, andarono a vivere nella casa adiacente alla chiesa.

La leggenda narra che un contadino trovò in un vecchio pozzo una raffigurazione della Beata Vergine e che l'avesse messa sul proprio calesse per portarla in paese. Ad un certo punto i buoi si inginocchiarono e rimasero in quella posizione fino a quando il contadino non ebbe tolto la raffigurazione dal calesse. Poiché questo episodio fu interpretato come un segno divino, il vescovo di Lecce, mons. Luigi Pappacoda, ordinò che in quel punto fosse eretta una chiesa in onore della Vergine.

Chiesa antica di San Giovanni Battista[modifica | modifica wikitesto]

Edificata nel XIX secolo su una chiesa preesistente, dalla Confraternita di San Giovanni Battista fondata nel 1645, possiede una struttura a navata unica e sul pavimento vi è un mosaico che raffigura l'agnello, simbolo di San Giovanni Battista. Ci sono otto capitelli in stile corinzio, ed un altare tipicamente barocco, sormontato da un simulacro di San Giovanni.

La chiesa fu abbandonata dalla Confraternita negli anni cinquanta, in quanto pericolante, e fu costruita una nuova chiesa nella periferia sud del paese. Nel 1994 la parrocchia matrice l'acquisì, la ristrutturò, riportandola all'antico splendore, ed oggi la adibisce a salone parrocchiale.

Chiesa Madonna del Carmine[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa, risalente ai primi anni dell'Ottocento, venne eretta per volontà di un ricco possidente devoto alla Madonna del Carmine. Ospita un piccolo altare maggiore sul quale è posizionata un'immagine della Madonna. Successivamente, per interessamento del parroco, fu dotata di una statua.

Altri edifici religiosi[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa Parrocchiale "Sant'Antonio Abate"
  • Chiesa di San Giovanni Battista
  • Cappella del "Turriso" dedicata a N.S. di Costantinopoli
  • Cappella della "Cona" (dal dialetto di Icona)
  • Cappella di San Francesco d'Assisi
  • Cappella "De Simone"
  • Cappella di "don Felice"

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo dei Celestini[modifica | modifica wikitesto]

I Celestini acquistarono il feudo di Carmiano nel 1448, dai baroni che avevano governato per circa sessant'anni. In questi anni loro avevano costruito un palazzo, in cui risiedevano. Quando i celestini s'insediarono a Carmiano, scelsero come dimora l'allora Palazzo Baronale, che con le dovute modifiche divenne un convento.

Il palazzo fu realizzato in varie epoche e il nucleo più antico risale alla prima metà del XIV secolo. Articolato in piano terra e primo piano, presenta un maestoso prospetto movimentato da porte e finestre e da un ampio portale affiancato da due nicchie con statue di santi e sormontato dallo stemma dell'ordine dei Celestini.

La cappella al suo interno, dedicata a San Donato, è affrescata con pregevoli dipinti. Il chiostro è dominato da un pozzo decorato con grande fastosità barocca. Il primo piano ospita le stanze in cui vivevano i monaci.

Oggi il palazzo, che è l'edificio storicamente più importante della città, è di proprietà del Comune[5].

Fontana monumentale[modifica | modifica wikitesto]

Edificata nel 1922, in occasione del completamento dell'Acquedotto Pugliese in città, aveva originariamente una forma piramidale ed un bassorilievo bronzeo, raffigurante una donna (l'Italia) con un fascio littorio. Dopo la caduta del fascismo la fontana venne radicalmente cambiata, in quanto assunse una forma a gradoni, vi fu posta in cima una statua raffigurante l'Immacolata Concezione, su di una vasca marmorea. Tutt'oggi la fontana, alta circa 5 m, conserva tale aspetto.

Sul lato della fontana si trova l'epigrafe: "L'ACQUA SGORGHI COPIOSA SV QVESTA TERRA FECONDA E MADRE DI EROI".

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione Demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]


Residenti stranieri[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2014 a Carmiano risultano residenti 234 cittadini stranieri. Le comunità nazionali più numerose sono:[7]

Diffusione del dialetto Salentino

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: dialetto salentino.

Il dialetto parlato a Carmiano è il dialetto salentino nella sua variante centrale che corrisponde al dialetto leccese. Il dialetto salentino si presenta carico di influenze riconducibili alle dominazioni e ai popoli stabilitisi in questi territori che si sono susseguite nei secoli: messapi, greci, romani, bizantini, longobardi, normanni, albanesi, francesi, spagnoli.

Religione[modifica | modifica wikitesto]

La religione prevalente è quella cristiana cattolica di rito romano. Carmiano fa parte dell'arcidiocesi di Lecce e in particolare della forania di Monteroni di Lecce. L'unità pastorale di Carmiano, guidata dall'arciprete-parroco di Maria SS. Assunta, comprende anche l'altra parrocchia di Carmiano, Sant'Antonio Abate[8], e la parrocchia Maria SS. Assunta di Magliano.

A Carmiano ha sede il seminario minore "Li Sala" della comunità religiosa dei Servi del Cuore Immacolato di Maria. Vi sono inoltre le confraternite di San Giovanni Battista[9], fondata nel 1645, e di Maria SS. Immacolata, risalente al 1821[10].

La patrona di Carmiano è l'Immacolata, chiamata con l'appellativo di "Madonna Nostra". È patrona dal secondo dopoguerra, quando fu indicata come protettrice del paese durante i bombardamenti alleati, che non causarono morti. È errore comune quello di identificare la "Modonna Nostra" con l'Assunta, a motivo del fatto che i festeggiamenti si svolgono a ridosso di Ferragosto, e che la chiesa Matrice è ad essa intitolata. Fino al secondo dopoguerra il santo patrono di Carmiano è stato San Vito Martire, che ad oggi è, insieme a Sant'Antonio Abate, compatrono del paese. Secondo gli studi di mons. Luigi Paladini, illustre carmianese e per un trentennio rettore del Seminario diocesano di Lecce, il patronato di S. Vito è stato preceduto da quello di San Giovanni Battista. A sostegno della teoria di mons. Paladini abbiamo un culto molto forte del santo in paese, con due chiese a lui dedicate e il titolo di una delle confraternite più antiche della diocesi, che quasi sicuramente fu fondata prima della data ufficiale del 1645.

Persone legate a Carmiano[modifica | modifica wikitesto]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Biblioteche[modifica | modifica wikitesto]

  • Biblioteca comunale "Salvatore Paolo"

Scuole[modifica | modifica wikitesto]

Carmiano dispone di quattro scuole materne, due elementari e due medie, dislocate fra il capoluogo comunale e la frazione di Magliano e articolate in due istituti comprensivi. Vi ha sede inoltre l'Istituto Superiore Professionale "Paolo Borsellino" ad indirizzo economico-aziendale, turistico e pubblicitario, sede associata all'I.I.S.S. "Francesco Redi" di Squinzano.

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Feste patronali[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ultima serata si esibiscono noti artisti del panorama musicale italiano. Nel 2007 Michele Zarrillo, nel 2008 I Nomadi, nel 2009 Marco Carta.

  • San Vito Martire - quarta domenica di ottobre (festa liturgica) e il lunedì successivo festa civile, con fiera mercato.

Altre festività[modifica | modifica wikitesto]

  • Festa di Sant'Antonio abate - terzo sabato di gennaio.
  • Festa di San Giovanni Battista - 24 giugno.
  • Festa della Madonna del Carmine - 16 luglio.
  • Festa della Madonna del 3 settembre. Anniversario della protezione mariana del 1943. Conclude i festeggiamenti della Madonna Nostra.
  • Festa dell'Immacolata - 8 dicembre.
  • Note e Sapori: "SAPORI NUESCI E NIURUMARU" manifestazione enogastronomica. 19, 20 luglio
  • Contest Hip-Hop "No War" - ultimo sabato di agosto

Mercati[modifica | modifica wikitesto]

  • Mercato cittadino ha luogo tutti i martedì in piazza F. Vadacca.
  • Mercato Piccolo ha luogo tutti i venerdì in piazza L. Ariosto.
  • Mercati rionali quotidiani

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Insieme Carmiano[modifica | modifica wikitesto]

La società sportiva di calcio principale della città è la Calcio insieme Carmiano che attualmente milita nella seconda categoria pugliese

Pallavolo femminile[modifica | modifica wikitesto]

L'A.S.D. Cupa Volley[11], con sede sociale nella frazione di Magliano, milita in serie D (per il secondo anno consecutivo) per la stagione 2015-2016 ed è attiva anche nel settore giovanile.

L'A.S.D. Polisportiva Carmiano dopo anni di militanza in Prima Divisione dalla stagione 2014-2015 è attiva solo nei campionati giovanili.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Economia della Puglia.

Carmiano è un centro economico pulsante, in quanto punto di riferimento commerciale anche per alcuni paesi limitrofi. Sono, infatti, presenti sul territorio numerosi negozi, attività di piccola e media impresa: oleifici, cantine vitivinicole, scatolifici, mobilifici.

Il vino prodotto nell'area del comune ha il marchio DOC (Denominazione e Origine Controllata), facendo riferimento al DOC di Leverano, Copertino e Salice Salentino.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

I collegamenti stradali principali sono rappresentati da:

Il centro è anche raggiungibile dalle strade provinciali interne: SP12 Carmiano-Magliano-Arnesano-Monteroni di Lecce, SP13 Carmiano-Novoli, SP14 Carmiano-Veglie, SP117 Carmiano-Leverano, SP120 Carmiano-Salice Salentino, SP121 Carmiano-Villa Convento, SP124 Carmiano-Copertino.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

La città è servita da una stazione ferroviaria Carmiano posta sulla linea Novoli-Gagliano del Capo delle Ferrovie del Sud Est.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
26 settembre 1985 20 luglio 1990 Salvatore Calcagnile Democrazia Cristiana Sindaco [12]
20 luglio 1990 4 febbraio 1991 Salvatore Calcagnile Democrazia Cristiana Sindaco [12]
4 febbraio 1991 29 ottobre 1991 Pietro Barbagallo Democrazia Cristiana Sindaco [12]
29 ottobre 1991 29 dicembre 1992 Carlo La Tegola Partito Socialista Italiano Sindaco [12]
10 marzo 1993 22 novembre 1993 Beniamino Margiotta Comm. pref. [12]
23 novembre 1993 5 gennaio 1996 Vincenzo Cagnazzo Democrazia Cristiana Sindaco [12]
12 gennaio 1996 10 giugno 1996 Mario Miglietta Comm. pref. [12]
10 giugno 1996 17 aprile 2000 Achille Villani Miglietta centro-destra Sindaco [12]
17 aprile 2000 12 luglio 2004 Achille Villani Miglietta centro-destra Sindaco [12]
12 luglio 2004 5 aprile 2005 Umberto Guidato Comm. straordinario [12]
5 aprile 2005 30 marzo 2010 Umberto Ferrieri Caputi centro-sinistra Sindaco [12]
30 marzo 2010 1º giugno 2015 Giancarlo Mazzotta lista civica: Insieme Sindaco [12]
1º giugno 2015 in carica Giancarlo Mazzotta lista civica: Insieme Sindaco [12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://demo.istat.it/pop2015/index.html
  2. ^ Popolazione residente al 1° gennaio 2015, su demo.istat.it. URL consultato l'08 maggio 2016.
  3. ^ Valori climatici del Salento orientale, biopuglia.iamb.it.
  4. ^ Pagina con le classificazioni climatiche dei vari comuni italiani, confedilizia.it.
  5. ^ visura catastale di Palazzo del celestini
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ Statistiche demografiche ISTAT, su demo.istat.it. URL consultato il 05 giugno 2016.
  8. ^ Sito web della parrocchia Sant'antonio Abate.
  9. ^ [1] Sito della Chiesa Confraternita di S. Giovanni Battista
  10. ^ Dati dal sito dell'Arcidiocesi di Lecce
  11. ^ A.S.D. Cupa Volley
  12. ^ a b c d e f g h i j k l m http://amministratori.interno.it/

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Paticchia, Carmiano e Magliano - Compendio di storia patria, Edizioni Panìco, 2000
  • Luigi Carducci, Storia del Salento, vol. 1, Mario Congedo Editore, 2006
  • Luigi Carducci, Storia del Salento, vol. 2, Mario Congedo Editore, 2006

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN123298797 · BNF: (FRcb12337719m (data)