Carlotta d'Asburgo-Lorena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carlotta d'Asburgo-Lorena
Duchessa di Meclemburgo
Nascita Prangins, 1º marzo 1921
Morte Monaco di Baviera, 23 luglio 1989
Casa reale Asburgo-Lorena
Padre Carlo I d'Austria
Madre Zita di Borbone-Parma
Consorte Giorgio, duca del Meclemburgo

Arciduchessa Carlotta d'Austria, (nome completo in tedesco Charlotte Hedwig Franziska Josepha Maria Antonia Roberta Ottonia Anna Pia Ignatia) (Prangins, 1º marzo 1921Monaco di Baviera, 23 luglio 1989), principessa imperiale d'Austria, principessa reale d'Ungheria e Boemia, era la penultima figlia dell'ultimo imperatore d'Austria-Ungheria Carlo I e di Zita di Borbone-Parma, e sorella del Principe Ereditario Otto d'Asburgo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carlotta nacque a Prangins in Svizzera, dove la famiglia imperiale austriaca viveva in esilio in seguito al crollo della monarchia austro-ungarica dopo la prima guerra mondiale. La sua famiglia visse in vari paesi durante l'esilio: dopo aver lasciato la Svizzera si trasferirono nell'isola portoghese di Madeira, dove il padre Carlo I morì un mese dopo che Carlotta festeggiò il suo primo compleanno. Carlotta in seguito si stabilì in Belgio, prima di lasciare l'Europa per gli Stati Uniti d'America per sfuggire al nazismo. Nel 1943 l'arciduchessa Carlotta iniziò a lavorare nel quartiere di Manhattan's East Harlem, utilizzando il nome di Charlotte de Bar[1]. Nel maggio 1956, Charlotte si fidanzò con Giorgio, duca del Meclemburgo e capo della Casa di Mecklenburg-Strelitz. Si sono sposati con rito civile il 21 luglio 1956 a Pöcking, Germania, ed in seguito con una cerimonia religiosa quattro giorni dopo[2]. Suo marito Giorgio morì il 6 luglio 1963, dal loro matrimonio non nacquero figli. L'Arciduchessa Carlotta, morì a Monaco di Baviera quattro mesi dopo la morte della madre Zita[3].

Antenati[modifica | modifica wikitesto]

Arciduchessa Carlotta d'Austria Padre:
Carlo I d'Austria
Nonno paterno:
Ottone Francesco d'Asburgo-Lorena
Bisnonno paterno:
Carlo Ludovico d'Asburgo-Lorena
Trisnonno paterno:
Francesco Carlo d'Asburgo-Lorena
Trisnonna paterna:
Sofia di Baviera
Bisnonna paterna:
Maria Annunziata di Borbone-Due Sicilie
Trisnonno paterno:
Ferdinando II delle Due Sicilie
Trisnonna paterna:
Maria Teresa d'Asburgo-Teschen
Nonna paterna:
Maria Giuseppina di Sassonia
Bisnonno paterno:
Giorgio di Sassonia
Trisnonno paterno:
Giovanni di Sassonia
Trisnonna paterna:
Amalia Augusta di Baviera
Bisnonna paterna:
Maria Anna Ferdinanda di Braganza
Trisnonno paterno:
Ferdinando II del Portogallo
Trisnonna paterna:
Maria II del Portogallo
Madre:
Zita di Borbone-Parma
Nonno materno:
Roberto I di Parma
Bisnonno materno:
Carlo III di Parma
Trisnonno materno:
Carlo II di Parma
Trisnonna materna:
Maria Teresa di Savoia
Bisnonna materna:
Luisa Maria di Borbone-Francia
Trisnonno materno:
Carlo di Borbone-Francia
Trisnonna materna:
Carolina di Borbone-Due Sicilie
Nonna materna:
Maria Antonia di Braganza
Bisnonno materno:
Michele del Portogallo
Trisnonno materno:
Giovanni VI del Portogallo
Trisnonna materna:
Carlotta Gioacchina di Borbone-Spagna
Bisnonna materna:
Adelaide di Löwenstein-Wertheim-Rosenberg
Trisnonno materno:
Costantino di Löwenstein-Wertheim-Rosenberg
Trisnonna materna:
Agnese di Hohenlohe-Langenburg

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Milestones, Jul. 30, 1956 (Time Magazine), 30 luglio 1956. URL consultato il 13 agosto 2009.
  2. ^ Archduchess to Marry (New York Times), 16 maggio 1956, p. 31.
  3. ^ Darryl Lundy, Charlotte Hedwig Erzherzogin von Österreich, The Peerage. URL consultato il 2 marzo 2007.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gordon Brook-Shepherd, The Last Empress - The Life and Times of Zita of Austria-Hungary 1893-1989, Harper-Collins, 1991.
  • Gordon Brook-Shepherd, Uncrowned Emperor: The Life and Times of Otto von Habsburg, Hambledon & London, 2004, ISBN 1-85285-439-1.
  • Bertita Harding, Imperial Twilight: The Story of Karl and Zita of Hungary, Bobbs-Merrill Company Publishers, 1939.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]