Carlos Pavón

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carlos Pavón
Carlos Pavon Plummer 02.JPG
Nazionalità Honduras Honduras
Altezza 182 cm
Peso 79 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Squadra Vida
Ritirato 10 gennaio 2015 - calciatore[1]
Carriera
Giovanili
Real España
Squadre di club1
1992-1994 Real España ? (?)
1994-1995 Toluca 17 (7)
1995-1996 Real Valladolid 9 (0)
1996-1997 Correcaminos UAT 20 (14)
1997-1998 Necaxa 29 (7)
1998-2000 Atlético Celaya 57 (34)
2000-2001 Morelia 28 (13)
2001-2002 Udinese 7 (1)
2002-2003 Napoli 13 (0)
2003 Morelia 16 (6)
2004 Deportivo Cali 14 (3)
2004 Cruz Azul 13 (3)
2005 Comunicaciones 34 (19)
2006 Real España 20 (15)
2007 L.A. Galaxy 18 (3)
2008-2009 Real España 21 (11)
2009 Necaxa 9 (0)
2009-2013Real España 80+ (35+)
Nazionale
1993-2010 Honduras Honduras 100 (58)
Carriera da allenatore
2016 Marathón
2017- Vida
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1º aprile 2017

Carlos Alberto Pavón Plummer (El Progreso, 9 ottobre 1973) è un allenatore di calcio ed ex calciatore honduregno, di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizia a giocare a calcio in Honduras, nelle giovanili del Real España. Sempre in questa squadra avverrà il suo esordio tra i professionisti. Gioca in questa squadra dal 1992 al 1994.

Nel 1995, a ventidue anni, Pavón si misura con la Liga col Real Valladolid. Nella sua stagione riuscirà ad entrare in campo 9 volte segna mai segnare. Pavón decide quindi di tornare nel centroamerica, questa volta tra i messicani del Club Necaxa.

Disegno raffigurante Pavón

In Messico gioca prima nel Necaxa, dove segnerà 7 gol in 29 partite e successivamente si trasferisce all'Atletico Celaya. Al termine della sua avventura con l'Atlético Celaya, avrà segnato 34 gol in 57 partite. Dopo questa esperienza, si trasferisce al Monarcas Morelia.

Passa così alla società italiana dell'Udinese. Esordisce nell'agosto del 2001 in Serie A con un gol alla prima gara, e gioca poi altre partite.

Pochi mesi dopo, nel gennaio 2002, durante il mercato di riparazione, il Napoli, allora in Serie B, lo acquista nell'ambito della cessione di Marek Jankulovski all'Udinese; Pavón, infatti, più 6 miliardi di lire, più il prestito di Esteban López, più la metà di Fábio César Montezine è la contropartita dell'affare.[2] In Campania, oltre a rimediare un infortunio nell'ottobre 2002,[3] gioca poche partite e nessun gol nella squadra che si salva dalla retrocessione in Serie C1 all'ultima giornata.

Nel giugno del 2003 il calciatore, svincolato da termini contrattuali, decide di accettare le offerte che arrivano nuovamente dal Messico.

Pavón torna in Messico, precisamente al Cruz Azul. Giocherà 13 partite e metterà a segno 3 gol. Dopo la stagione col Cruz Azul, si trasferisce in Guatemala, al Comunicaciones, dove segna 19 gol in 34 partite. Dopo questa parentesi in Guatemala, tornerà alla squadra che lo aveva lanciato, il Real España: gioca quindi 20 partite segnando 15 gol.

Pavón con la maglia della Nazionale

Nell'estate del 2007, dopo esser stato capocannoniere in Gold Cup con la sua Nazionale, firma un contratto con i Los Angeles Galaxy. Nella Major League Soccer inizia segnando 3 gol in 6 partite.

Nei primi mesi del 2008 decide di tornare in Honduras, al Real España, nella squadra che per due volte lo ha avuto fra i tesserati. Nei primi mesi del 2009 si trasferisce nuovamente in Messico, al Necaxa, e dopo 9 presenze e zero gol torna al Real España.

Il 10 gennaio 2015 si è ritirato dal calcio giocato disputando un'amichevole tra il Real España e il Barcelona Sporting Club.[1]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Punto fermo dal 1993 della Nazionale del suo paese, con i suoi gol contribuisce alla seconda qualificazione honduregna alla fase finale di un mondiale, dopo quello di Spagna 1982. I centroamericani, grazie alle sue reti, si qualificano infatti per Sudafrica 2010.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Real Espana: 1992
Real Espana: 1993-1994, Apertura 2003-04, Clausura 2006-07, Apertura 2010-11
Monarcas: Invierno 2000

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

1993, 1995

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2007

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Ricordate Pavon? Oggi dà l’addio al calcio a 41 anni, Mondo Udinese, 10 gennaio 2015. URL consultato il 1º aprile 2017.
  2. ^ Accordo all'ultimo istante con l'Udinese Arrivano Pavon e Lopez, va via Jankulovski, La Gazzetta dello Sport, 1º febbraio 2002. URL consultato il 1º aprile 2017.
  3. ^ Colomba prova a portare la pace, La Gazzetta dello Sport, 23 ottobre 2002. URL consultato il 1º aprile 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]