Carlo di Borbone visita il papa Benedetto XIV nella coffee-house del Quirinale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carlo di Borbone visita il papa Benedetto XIV nella coffee-house del Quirinale
Carlo di Borbone visita il papa Benedetto XIV nella coffee-house del Quirinale, Pannini 001.jpg
La tela
AutoreGiovanni Paolo Pannini
Data1746
Tecnicaolio su tela
Dimensioni121×71 cm
UbicazioneMuseo nazionale di Capodimonte, Napoli

Il Carlo di Borbone visita il papa Benedetto XIV nella coffee-house del Quirinale è un dipinto olio su tela di Giovanni Paolo Pannini, realizzato nel 1746 e conservato all'interno del Museo nazionale di Capodimonte, a Napoli.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La tela coi soldati tedeschi durante la seconda guerra mondiale

Il dipinto è stato realizzato, su espresso ordine del re di Napoli Carlo di Borbone nel 1746, da Giovanni Paolo Pannini[1], il quale ritrasse la visita del re a Roma, dal papa Benedetto XIV, con cui aveva stretto rapporto di amicizia con la firma del Concordato del 1741, dopo la vittoria delle truppe borboniche su quelle austriache nel 1744 a Velletri[2]. La tela è stata originariamente posta nella reggia di Capodimonte e nel 1806 spostata al palazzo degli Studi: durante la seconda guerra mondiale, poco prima dell'arrivo degli alleati a Napoli, venne presa dai soldati della divisione "Hermann Göring" e donata alla Repubblica Sociale Italiana[3]. Al termine della guerra è ritornata a Napoli per essere custodita dal 1957 nel neonato museo nazionale di Capodimonte, nella sala 32, nella zona dell'Appartamento Reale[4].

Il dipinto ritrae Carlo di Borbone che fa visita a papa Benedetto XIV ospitato nella Coffee House del palazzo del Quirinale: al centro dell'opera sono ritratti i protagonisti, contornati da una moltitudine di persone che osserva la scena e sullo sfondo la coffee-house nel giardino del Quirinale dipinta in modo da creare un senso di profondità grazie all'illusione prospettica[2]: i toni sono raffinati e mondani ed in generale sembra di assistere ad una scena teatrale[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sapio, p. 132.
  2. ^ a b Touring Club Italiano, p. 161.
  3. ^ Spinosa, p. 57.
  4. ^ Touring Club Italiano, pp. 160-161.
  5. ^ Descrizione del dipinto, su Cir.campania.beniculturali.it. URL consultato il 26 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2016).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mario Sapio, Il Museo di Capodimonte, Napoli, Arte'm, 2012, ISBN 978-88-569-0303-4.
  • Antonio Spinosa, Salò, una storia per immagini, Segrate, Arnoldo Mondadori Editore, 1992, ISBN 88-04-36620-6.
  • Touring Club Italiano, Museo di Capodimonte, Milano, Touring Club Editore, 2012, ISBN 978-88-365-2577-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]