Carlo Villa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il podestà di Milano, vedi Carlo Villa (podestà).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il calciatore nato nel 1912, vedi Carlo Villa (calciatore 1912).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il calciatore nato nel 1906, vedi Carlo Villa (calciatore 1906).
Carlo Villa

Carlo Villa (Roma, 3 ottobre 1931) è un poeta, scrittore e saggista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Roma, il padre era colonnello delle Guardie Pontificie. Nel 1954 si laurea in legge presso l'Università La Sapienza di Roma.

Nel 1959 presentato da Leonardo Sinisgalli su La Fiera Letteraria pubblica le sue prime poesie, e nel 1962, con la prefazione dì Pier Paolo Pasolini, la raccolta Il Privilegio di essere vivi, cui fa seguito nel 1963 Solo sperando nauseati, nel “Menabò”n.6 di Einaudi. Dal 1978 al 1988 lavora al comune di Roma come responsabile del Centro sistema Bibliotecario; nello stesso decennio è Segretario Generale del centro Eugenio Montale.

Nel 1964, con la pubblicazione del romanzo La Nausea media, Villa inizia a scrivere libri: Muore il padrone (1978), La scrittura cerca l'assassino (2003), Il figlio assurdo; nel 1973 esce da Mursia una Guida alla lettura di Vasco Pratolini; ricordiamo anche Sotto la cresta dell'onda, del 2004 e tanti altri[1].

Ha collaborato a varie testate giornalistiche (Paese Sera, Il Messaggero, Nuova Antologia, Il caffè, Il dramma, Quindici, Nuova corrente, Carte Segrete, Questo e altro, Menabò) e con testi alla Radio Vaticana, Televisione svizzera di lingua italiana per la quale ha sceneggiato “ Divertimento 1889 ” di Morselli[2].

È del 1982 la raccolta dei racconti fantascientifici Mandrake, Arcivescovo di Salem, per i Tipi della Newton Compton, dell'88 il giallo Morte per lucro,De Agostani; Fino all'ultima fermata, Arlem 2000; Come in un gioco a incastro, Stango 2000; Nuda proprietà, 2003; La scrittura cerca l'assassino, Greco e Greco, 2003; Sorpassi, Stango 2003.

Ha ricevuto dal Presidente Carlo Azeglio Ciampi l'onorificenza di Commendatore.

Manoscritti e archivio di Carlo Villa si trovano presso il Fondo dell'Università di Pavia e presso la Fondazione Bianciardi di Grosseto.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana
— 8 aprile 2003. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alcuni libri di Carlo Villa, carlovilla.altervista.org. URL consultato il 17 gennaio 2009.
  2. ^ Divertimento 1889 di Morselli, sindacatoscrittori.net. URL consultato il 17 gennaio 2009.
  3. ^ Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana Dott. Carlo Villa

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Privilegio di essere vivi, Rebellato, 1962;
  • Solo sperando nauseati, Einaudi, 1963;
  • Siamo esseri antichi, Einaudi, 1964;
  • Gorba, Mondadori, 1972;
  • La maestà delle finte, Guanda 1977;
  • Polvere di miele, Carte segrete, 1980;
  • Infanzia del dettato, 1981;
  • Come la rosa al naso, Poeticamente, 1984;
  • Corpo a cuore, Bastogi, 1985;
  • Cento di questi fogli, prefaz. di Alfredo Giuliani, Empiria, 1989;
  • Pochades, 1992;
  • L'apparenza, El Bagatt, 1993;
  • Simboli eroici, L'obliquo, 1993;
  • Consumato amore, Bastogi, 1994;
  • Pas de deux, Quasar, 1994;
  • L'infinito è un quadrato senz'angoli, Elytra, 1995;
  • Dedicamenta, Arlem;
  • Roba da gatti, Coedital, 2000;
  • Pelle d'anima, Campanotto, 2000;
  • L'amore per l'anima del podice, Greco e Greco, 2000;
  • A piè di sogno, Manni, 2000;
  • L'ora di Mefistofele, Scheiwiller, 2002;
  • L'attimo leggente, Bastogi, 2003;
  • Eclisside, Società Editrice Fiorentina, 2013.
  • Retrostrato, Società Editrice Fiorentina, 2017

Saggistica[modifica | modifica wikitesto]

  • Il figlio assurdo, ediz.Longo 1972;
  • Guida alla lettura di Vasco Pratolini ediz. Mursia 1973;
  • L'eros nella poesia italiana del ‘900, antologia ediz. Newton Compton 1995;
  • Eros violato,ediz. Coedital 1999;
  • Lo spirito d'appartenenza, Bastogi 2000;
  • Lector in tabula, Nuda Proprietà Editrice 2002;
  • Sotto la cresta dell'onda, editore Società Editrice Fiorentina 2004 ISBN 88-87048-68-1 ;
  • Quel pallido Gary Cooper, editore Società editrice fiorentina 2005;
  • Caro Dolce nessuno, editore Società editrice fiorentina 2006;
  • Dripping, editore Società editrice fiorentina 2007;
  • Impronte, editore Società editrice fiorentina 2008;
  • L'ospite sgradito editore Società editrice fiorentina 2009.
  • Pieni a perdere editore Società editrice fiorentina 2010.
  • Keatoniana editore Società editrice fiorentina 2012.
  • Pensieri panici editore Società editrice fiorentina 2012 ISBN 978-88-6032-226-5
  • L'incontro delle parallele Società editrice fiorentina 2013
  • A pensarci bene Società editrice fiorentina 2014
  • L'esperienza del nulla Società editrice fiorentina 2015


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN135510 · BNF: (FRcb12723781j (data)