Carlo Poerio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Poerio
Carlo Poerio ritratto.jpg

Deputato del Regno d'Italia
Legislature VIII, IX, X
Incarichi parlamentari
  • Vicepresidenza della Camera
Sito istituzionale

Deputato del Regno di Sardegna
Legislature VII

Dati generali
Professione avvocato

Carlo Poerio (Napoli, 13 ottobre 1803Firenze, 27 aprile 1867) è stato un patriota e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fratello di Alessandro Poerio e anch'egli esule, col padre Giuseppe, dopo i moti costituzionali del 1820, in Toscana, in Francia, nel Regno Unito.

Tornato a Napoli nel 1833, si dedicò all'avvocatura, acquistando grande fama.

Liberale moderato, amico del Mellucci (originario della provincia di Caserta, di famiglia benestante) e quindi avverso ai moti mazziniani, fu tuttavia arrestato nel 1837, 1844 e 1847, ma sempre per breve tempo. Ai primi del 1848 ebbe parte notevole nelle agitazioni che portarono alla concessione della Costituzione e fu membro del governo costituzionale di Napoli, come ministro dell'istruzione. Si dimise dopo i fatti del 15 maggio, quando le tensioni fra il sovrano e il parlamento diedero origine a una controrivoluzione popolare, che egli deprecò, conservando tuttavia fiducia nella possibilità di un regime liberale con Ferdinando II di Borbone.

Restaurato nel 1849 il governo assoluto, fu condannato a 24 anni di carcere duro, ma ne scontò soltanto 10 presso la torre sita in Montesarchio (BN) ,perché nel 1859 la pena gli venne commutata nella deportazione.

La nave che lo trasportava in America lo sbarcò invece in Irlanda, da dove poi riparò in Piemonte. Qui, circondato da grande autorità morale, prese parte attiva alla vita politica del nascente Regno d'Italia, sedendo anche alla Camera dei deputati nelle legislature dalla VII alla X. Re Vittorio Emanuele II lo nominò proprio luogotenente generale dell'Italia meridionale. Poerio rifiutò il ministero offertogli da Cavour e si ritirò, deluso dalla scena politica, concludendo la sua vita in povertà.

Morì a Firenze, nell'abitazione di Ferdinando Lopez Fonseca, patriota lucano e combattente durante la prima guerra di indipendenza. Poerio è sepolto in una cappella del cimitero di Pomigliano d'Arco, riconosciuta dal 1930 dal re Vittorio Emanuele III monumento nazionale.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Poerio, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
Controllo di autorità VIAF: (EN60547764 · LCCN: (ENn85378800 · SBN: IT\ICCU\RAVV\080457 · ISNI: (EN0000 0000 6121 2518 · BAV: ADV10018003