Carlo Panati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Carlo Panati (Macerata, 1850Roma, 1935) è stato uno scultore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò all'Istituto d'arte di Roma e fu allievo dello scultore purista Rinaldo Rinaldi[1] (1793-1873).

Partecipò all'impresa garibaldina di Mentana nel 1867 e tre anni più tardi alla presa di Roma, per poi compiere la leva nel corpo dei Bersaglieri, dove decise di restare raggiungendo il grado di capitano[2].

Si perfezionò nello studio dello scultore Giulio Monteverde, seguendo l'esempio del suo naturalismo nella realizzazione di numerosi monumenti celebrativi e funerari, sia a Roma che in numerose città d'Italia[3].

Una via di Macerata è dedicata a lui.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ bottegascriptamanent.it; Rinaldi fu allievo del Canova.
  2. ^ The Royal Engineers Journal, 1913
  3. ^ Gli scultori italiani dal Neoclassicismo al Liberty: L-Z, Pomerio, 1994, p.781; Rassegna storica del Risorgimento, Volume 48, S. Lapi, 1961, p.305

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Spadoni, Carlo Panati lo scultore dell'esercito italiano. Saggio biografico-artistico, Roma, Arti Grafiche Fratelli Palombi, 1932.
  • Luisa Cardilli e Nicoletta Cardano (a cura di), Percorsi della memoria. Il Quadriportico del Verano, Roma, F.lli Palombi, 1998. ISBN 88-7621-076-8.
  • Alessandro Cremona, Sabina Gnisci e Alessandra Ponente (a cura di), Il Giardino della Memoria. I busti dei grandi Italiani al Pincio, Roma, Artemide, 1999. ISBN 88-86291-41-8.
  • Gigi Salvagnini, La scultura nei Monumenti ai Caduti della prima guerra mondiale in Toscana, Firenze, Opus Libri, 1999, p. 65.
  • Alfonso Panzetta, Nuovo dizionario degli scultori italiani dell'Ottocento. Da Antonio Canova ad Arturo Martini, Torino, Adarte, 2003, p. 677. ISBN 88-89082-00-3.
  • Antonello Nave, Il Monumento ai Caduti di Abbadia San Salvatore e lo scultore Carlo Panati, in «Amiata Storia e Territorio», XIV, 45, dicembre 2003, pp. 36–38.
  • Antonello Nave, Carlo Panati. Uno scultore marchigiano a Roma, in «Lazio ieri e oggi», XLI, 5, maggio 2005, pp. 156–158.
  • Antonello Nave, Notizie sullo scultore Carlo Panati, in «Libero. Ricerche sulla scultura e le arti applicate del primo Novecento», XIV (2006), 27-28, pp. 39–43.
  • Antonello Nave, Alla scoperta di un artista. L'opera dello scultore Carlo Panati, in «Il Crotonese», 1º febbraio 2011, pp. 30–31.
  • Margherita Corrado (a cura di), Nel Cimitero storico di Crotone. L'arte che non ti aspetti, Crotone, Città del Sole, 2011. ISBN 978-88-7351-417-6.
Controllo di autoritàVIAF (EN13376240 · ISNI (EN0000 0000 2040 2518 · WorldCat Identities (ENviaf-13376240