Carlo Mazzoni (scrittore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Non esistevo se non come un'impronta, dopo un'esplosione della tua voglia. »
(Carlo Mazzoni, Due amici[1])
Carlo Mazzoni

Carlo Mazzoni (Milano, 9 luglio 1979) è uno scrittore italiano.

Al Salone Internazionale del Libro di Torino 2011

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vita[modifica | modifica wikitesto]

Carlo Mazzoni è nato e cresciuto a Milano. Mazzoni si è diplomato al liceo scientifico "Leonardo da Vinci" di Milano e al Conservatorio di Alessandria. Intenzionato a scrivere professionalmente, nel 2002 pubblica i primi articoli su Vogue Italia e Dove. Nel 2003 si laurea presso la facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università Statale di Milano. All'età di dieci anni, a Mazzoni viene diagnosticato il diabete mellito. Il rigore imposto dalla cura della malattia avrà un peso importante nella formazione del suo carattere: questo argomento sarà centrale nella stesura del suo romanzo Due amici[2]. È nipote della sceneggiatrice Roberta Mazzoni.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007 pubblica con Salani I Postromantici, il suo romanzo d'esordio[3]. Il romanzo ottiene attenzione dalla critica e dal pubblico[4], per una vena provocatoria[5] imputata di ingenuità[6]. I suoi racconti appaiono su Nuovi Argomenti. Si ampliano le sue collaborazioni con giornali italiani. Nel 2009, I Postromantici viene pubblicato in edizione tascabile da TEA, con l'aggiunta di un sottotitolo: I Postromantici, stagione 1. Il sottotitolo vuole in primo luogo specificare una vicinanza al linguaggio delle serie televisive americane, in secondo luogo annunciare l'uscita del sequel. Nel 2009 infatti esce Il disordine sempre con Salani, secondo romanzo di Mazzoni e prosieguo del primo. Il disordine riscuote meno attenzione del precedente ma rivela una maggiore sicurezza nella tecnica di narrazione[7]. Ad aprile del 2009, Mazzoni viene selezionato dalla redazione del Corriere della Sera per il Manifesto Culturale di Milano[8], in riconoscimento allo sforzo di un impegno culturale trasversale e poliedrico. Mazzoni è l'unico esponente di età inferiore ai trent'anni.


A luglio del 2009, viene chiamato a introdurre gli Stati Generali di Expo 2015.[9] al Teatro Dal Verme di Milano.

A maggio del 2011 esce il terzo romanzo di Mazzoni, dal titolo Due amici. Il libro è pubblicato dalla casa editrice Fandango, e presentato al Salone Internazionale del Libro di Torino[10]. Il romanzo, incentrato tra il confronto caratteriale di due amici che crescono insieme, riporta una matrice precisamente biografica. Contemporaneamente esce il video Estate che vede l'autore leggere e interpretare un estratto del primo capitolo del romanzo: una ricerca sperimentale di sound e scrittura che subito suscita critiche e approvazioni.[11]

Da settembre 2012 a settembre 2014, è Editor in Chief de L'Officiel Italia, l'edizione italiana del giornale di moda francese L'Officiel.[12] Oggi è editore e direttore di The Fashionable Lampoon (rivista)[13].

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

L'incontro con il produttore artistico Umberto Iervolino segna l'inizio dell'attività musicale di Carlo Mazzoni.

Del 2009 è il singolo Il sole non serve[14] di cui è interprete e autore del testo e di parte della musica. Il brano è registrato e mixato presso Aisha Studio da Marco D'Agostino e masterizzato presso 96 kHz.it Mastering Studio[15], distribuito da Universal. Il brano riscuote un discreto consenso, a livello nazionale e internazionale[16].

Nel 2010 Mazzoni viene escluso dalla giuria del Festival di Sanremo.

A dicembre 2011 esce il singolo Il fuoco,[17] un brano collegato al romanzo Due Amici.

Uscito a dicembre 2014, La Regina è il brano on air in radio che viene presentato come una poesia piuttosto che come una canzone.[18]

Scritti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN173301062