Carlo Maria Cernelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Maria Cernelli
arcivescovo della Chiesa cattolica
Template-Metropolitan Archbishop.svg
Incarichi ricoperti Arcivescovo metropolita di Chieti
Nato 1759 a Napoli
Ordinato presbitero 16 marzo 1782
Nominato arcivescovo 19 aprile 1822 da papa Pio VII
Consacrato arcivescovo 21 aprile 1822 dal cardinale Bartolomeo Pacca
Deceduto 18 maggio 1837 a Chieti

Carlo Maria Cernelli (Napoli, 1759Chieti, 18 maggio 1837) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu ordinato prete il 16 marzo 1782 per il clero secolare di Napoli.

Maestro in sacra teologia, papa Pio VII lo elesse arcivescovo di Chieti nel concistoro segreto del 19 aprile 1822;[1] lo stesso giorno, nella sua cappella privata, il cardinale Ercole Consalvi gli impose il pallio.[2]

Fu consacrato domenica 21 aprile 1822 nella chiesa del Gesù in Roma dal cardinale Bartolomeo Pacca, vescovo di Porto, assistito da Giovanni Francesco Guerrieri, vescovo Rimini, e dall'arcivescovo Carlo Zen, nunzio apostolico in Svizzera.[3]

Prese possesso canonico dell'arcidiocesi teatina il 22 novembre 1822.

Fu autore di numerosi scritti teologici e di devozione: ha lasciato un Manuale Theologiae Dogmaticae..., edito da Sangiacomo di Napoli nel 1830.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Diario di Roma, n. 32 (1822), p. 1.
  2. ^ Diario di Roma, n. 32 (1822), p. 2.
  3. ^ Diario di Roma, n. 33 (1822), p. 1.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Arcivescovo metropolita di Chieti Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Francesco Saverio Bassi, O.S.B.Coel. 19 aprile 1822 - 18 maggio 1837 Giosuè Maria Saggese, C.SS.R.