Carlo Livi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Livi

Carlo Livi (Prato, 8 settembre 1823Livorno, 4 giugno 1877) è stato un fisiologo e psichiatra italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Compiuti gli studi umanistici a Prato, andò a studiare presso l'Università di Pisa. Qui, nel fervore del 1848, si dedicò agli ideali patriottici, impugnando anche le armi per l'indipendenza. Fallito il tentativo, tornò a Pisa, dove si laureò in medicina, per poi recarsi a Firenze a compiere il tirocinio pratico sotto la guida di Maurizio Bufalini.

Dopo l'incarico di direttore nel manicomio San Niccolò di Siena (cui era stato nominato nel 1858) e la nomina a professore di medicina legale e d'igiene, nel 1873 venne chiamato alla direzione del manicomio di Reggio Emilia, che organizzò come centro scientifico per gli studi di psichiatria, divenendo sede della Clinica psichiatrica della Regia Università di Modena.

Nel 1875 fondò la Rivista sperimentale di freniatria e di medicina legale. Tra i suoi principali scritti si segnalano Contro la pena di morte: ragioni fisiologiche e patologiche (Mucci, Siena 1862) e Frenologia forense. Ovvero delle frenopatie considerate relativamente alla medicina legale (Chiusi, Milano 1863-1868). A lui si deve anche la curatela delle opere di Francesco Redi pubblicate, per l'editore Le Monnier, tra il 1858 e il 1863. Scrisse anche una biografia, nel 1873, su Francesco Puccinotti, che era stato fra i suoi docenti nell'ateneo di Pisa.

Nella città natale gli è stato dedicato un liceo scientifico e linguistico ed è intitolata a lui la biblioteca scientifica dell'ex-ospedale psichiatrico San Lazzaro di Reggio Emilia[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • S. Anceschi Bolognesi, Carlo Livi: una luce fra le grandi ombre per i nudi di mente, 1823-1877, Federazione italiana associazioni ospedaliere, Roma 1979.
  • E. Morselli - A. Tamburini, La mente di Carlo Livi, in «Rivista sperimentale di freniatria e di medicina legale», V (1879), pp. I-XXXIII; Ivi, VI (1880), pp. I-XVI.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN10629565 · LCCN: (ENnr00008794 · SBN: IT\ICCU\SBLV\188961 · ISNI: (EN0000 0000 6134 9506 · GND: (DE117676314 · BAV: ADV10918885