Carlo Girometta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Girometta
Nazionalità Italia Italia
Altezza 172 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Carriera
Giovanili
Olubra Olubra
Squadre di club1
1933-1936 Piacenza Piacenza 60 (47)[1]
1936-1937 Brescia Brescia 29 (10)
1937-1939 Atalanta Atalanta 11 (0)
1939-1940 Alessandria Alessandria 11 (1)
1940-1941 Salernitana Salernitana 14 (1)
1941-1942 Sanremese Sanremese 1 (0)
1946-1949 Olubra Olubra  ? (?)
Carriera da allenatore
1959-1962 Granata.png Castellana
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Berlino 1936
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Carlo Girometta (Castel San Giovanni, 9 novembre 1913Castel San Giovanni, 10 giugno 1989[2]) è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nell'Olubra, squadra del paese natale[3], passa al Piacenza nel 1933[4], dove si mette subito in luce con 8 reti in altrettante partite del campionato di Prima Divisione, a cui si aggiungono altre 3 reti nel girone finale, nel quale è titolare in sostituzione di Alfredo Simoni[4]. Nelle due stagioni seguenti viene impiegato stabilmente come centravanti, realizzando 14[5] e 26[6] reti sempre con la casacca degli emiliani.

Le sue prestazioni attirano l'attenzione di Vittorio Pozzo, che lo include come riserva (insieme al compagno di squadra Sandro Puppo) nella rosa dei convocati per le Olimpiadi di Berlino[7], vinte proprio dalla rappresentativa azzurra. In quella stessa estate Girometta passa al Brescia, in Serie B, ripetendo le buone prestazioni ottenute al Piacenza. Sale ancora di categoria con il passaggio all'Atalanta, con cui esordisce in Serie A il 28 novembre 1937 nella trasferta contro il Bari; nella massima serie però non incide (7 presenze senza reti) e gli orobici retrocedono. Negli anni successivi non riesce più a ritrovare la via del gol con le maglie di Alessandria, Salernitana[8] (dove è impiegato anche come centromediano[9][10]) e Sanremese, tra Serie B e Serie C.

Dopo il termine della seconda guerra mondiale, nella quale combatte come tenente alpino sul fronte russo[2], inquadrato nel Battaglione Val Chiese 6º Reggimento alpini, Divisione Tridentina, chiude la carriera tornando all'Olubra, la squadra con cui aveva esordito[2], militante nel campionato di Serie C.

Tra il 1959 e il 1962 allena la Castellana, altra squadra di Castel San Giovanni, dimettendosi nel novembre 1962[11].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 66 (50) se si comprende il girone finale del campionato di Prima Divisione 1933-1934.
  2. ^ a b c P.Gentilotti, G.Rubini, Dal Farnese a Barriera Genova, ed.Libertà, vol.3, pag.145
  3. ^ Elenco dei giocatori italiani autorizzati a cambiare società nella prossima stagione, Il Littoriale, 5 agosto 1933, pag.7
  4. ^ a b Rosa 1933-1934 Storiapiacenza1919.it
  5. ^ Rosa 1934-1935 Storiapiacenza1919.it
  6. ^ Rosa 1935-1936 Storiapiacenza1919.it
  7. ^ Stagione 1935-1936 Storiapiacenza1919.it
  8. ^ Statistiche su Salernitanastory.it
  9. ^ Coppa Italia - Salernitana-Savoia 1-0, Il Littoriale, 30 settembre 1940, pag.4
  10. ^ Il campionato della Serie C, Il Littoriale, 29 ottobre 1940, pag.5
  11. ^ Girometta si è dimesso da allenatore della Castellana, Libertà, 1º dicembre 1962, pag.5

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]