Carlo Francesco Giocoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carlo Francesco Giocoli
vescovo della Chiesa cattolica
Stemma-Vescovo-Giocoli.jpg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato4 novembre 1665 a Sant'Arcangelo
Ordinato diacono3 aprile 1688
Ordinato presbitero12 giugno 1688
Nominato vescovo16 luglio 1703 da papa Clemente XI
Consacrato vescovo22 luglio 1703 dal cardinale Sperello Sperelli
Deceduto14 dicembre 1723 a Napoli
 

Carlo Francesco Giocoli (Sant'Arcangelo, 4 novembre 1665Napoli, 14 dicembre 1723) è stato un vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cappella dei Giocoli di Sant'Arcangelo.

Nacque dal visconte Mario Giocoli dei Principi di Jadera e dalla nobildonna Anna Fortunato, sorella del vescovo Orazio Fortunato.[1] Frequentò il seminario a Nardò, diocesi nella quale era vescovo suo zio dal 1678. Studiò quindi diritto civile a Napoli e divenne dottore in legge a Roma.

Nel 1700 ricevette l'incarico di vicario del vescovo Antonio Pérez de Lastra a Gallipoli. Il 16 luglio 1703 papa Clemente XI lo nominò vescovo di San Severo (16 luglio 1703 - 15 marzo 1717). Un'epigrafe dello stesso anno ricorda la consacrazione del convento di San Rocco dei padri riformati di Sant'Arcangelo, insieme al vescovo di Anglona-Tursi, Domenico Sabbatino. [2] Lo stemma di Carlo Francesco Giocoli è rappresentato sia sul dipinto, collocato sopra l'altare, realizzato da Domenico Guarino e raffigurante l'Immacolata concezione, e sia sulla tomba di famiglia collocata a sinistra dell'altare.[3] Nel 1710 celebrò il battesimo di don Raimondo di Sangro, principe di San Severo[4].

Il 15 marzo del 1717 fu nominato vescovo di Capaccio. Morì a Napoli il 14 dicembre 1723 e fu sepolto nella chiesa di Santa Caterina a Chiaia.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ferdinando Ughelli, Italia Sacra, Venezia, Arnaldo Forni Editori, 1731.
  2. ^ Caterini Carlo. Gens Catherina de terra Balii. Edizioni Scientifiche Calabresi. Rende 2009
  3. ^ Caterini Carlo. Gens Catherina de terra Balii. Edizioni Scientifiche Calabresi. Rende 2009
  4. ^ Ciro Panzone, L'eredità del castello ducale di Torremaggiore, Leone editrice, Foggia 1993, p-238.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ferdinando Ughelli, Italia Sacra, Arnaldo Forni Editori, Venezia 1731.
  • Carlo Caterini, Gens Catherina de terra Balii, Edizioni Scientifiche Calabresi, Rende, 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) David Cheney, Carlo Francesco Giocoli, su Catholic-Hierarchy.org. Modifica su Wikidata