Carlo Fiore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Carlo Fiore (Sarnico, 9 maggio 1973) è un musicologo, critico musicale, grafico e docente italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il diploma in chitarra al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano (1997) – dove ha studiato anche musicologia – si laurea in Discipline delle arti, della musica e dello spettacolo all'Università degli Studi di Bologna (1998) con una tesi sui mottetti di Josquin des Prez e inizia a lavorare nell'editoria musicale e libraria come critico, redattore e grafico. Consegue quindi il dottorato di ricerca in Storia e analisi delle culture musicali alla Sapienza - Università di Roma (2003), con una tesi intitolata Stili personali nella polifonia mariana intorno al 1500. Studioso di calligrafia, tipografia e comunicazione visiva, intraprende l'attività di designer di libri e pubblicazioni musicali durante lo studio delle fonti manoscritte e degli incunaboli della polifonia rinascimentale, fondando nel 2004 lo studio Venti caratteruzzi. Dal 1999 collabora come critico al mensile «Classic Voice»; dal 2009 al 2016 cura i testi della collana di dischi «Classic Antiqua»; dal 2000 al 2015 collabora col Consorzio Universitario ICON; dal 2007 insegna Storia della musica al Conservatorio di musica "Alessandro Scarlatti" di Palermo.

Design[modifica | modifica wikitesto]

La sua produzione grafica, annualmente pubblicata sui Graphis Annual,[1] e redazionale comprende lavori per istituzioni ed editori come il Teatro Massimo,[2][3] l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia,[4] il Festival Urbino Musica Antica, l'Associazione nazionale critici musicali, il Macerata Opera Festival, la Società Editrice di Musicologia, gli Amici del Teatro alla Scala,[5] la IAML, il Festival della Valle d'Itria, la Rete Lirica delle Marche, il Teatro Coccia di Novara, il Festival Teatro Bastardo di Palermo, il Festival Duni di Matera, L'Epos, Guerini e Associati, Brepols, Leuven University Press, XGPublishing, LIM; iniziative umanitarie e sociali fra cui pionieristiche attività ed esposizioni come il "Centro studi Progetto San Francesco" (istituzione di cultura antimafia fondata nel 2010 a Cermenate in un edificio confiscato alla 'ndrangheta),[6] La luce vince l'ombra (mostra degli Uffizi a Casal di Principe organizzata nel 2015 in un edificio confiscato alla camorra),[7] il Museo della fiducia e del dialogo per il Mediterraneo (opere degli Uffizi, del Mucem e del Museo nazionale del Bardo esposte a Lampedusa nel 2016),[8] Fidelis. Opere dell'arte restituita (mostra allestita nel 2017 presso l'Aula bunker del Carcere dell'Ucciardone e presso la Caserma "Bonsignore Dalla Chiesa" di Palermo con opere recuperate dal Comando carabinieri per la tutela del patrimonio culturale).[9]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Monografie[modifica | modifica wikitesto]

Volumi curati[modifica | modifica wikitesto]

  • Il libro di musica. Per una storia delle fonti musicali in Europa (L'Epos, 2004) ISBN 8883022645
  • La musica e le altre arti, atti del primo incontro di studi "Voci dal Rinascimento" (Provincia Regionale di Palermo, 2006)
  • La nascita dell’individualismo, atti del secondo incontro di studi "Voci dal Rinascimento" (Provincia Regionale di Palermo, 2008)

Saggi in periodici e in volumi miscellanei[modifica | modifica wikitesto]

  • Polifonia latente a idioma strumentale nel Preludio BWV 998 di J.S. Bach, in Mario Musumeci, Sulla letteratura bachiana: questioni analitiche e problemi interpretativi, Latessa, Catania 1996, pp. 54-60.
  • Compattezza formale ed articolazione sonatistica nella Sonata op. 79 di L.V. Beethoven, in Mario Musumeci, Lo studio della forma musicale: antologia d’analisi in 40 questionari-guida (da J. Desprez a C. Debussy) per le discipline analitiche e compositive di conservatori e università, Latessa, Catania 1996, pp. 124-130.
  • Alcune risorse bibliografiche in Internet, «Biblioteche oggi» XVI/8, 1998, pp. 65-66.
  • Matrice retorica e struttura formale in un’improvvisazione. Su un preludio non misurato di J.H. D’Anglebert, «Quadrivium» XL, 1999, pp. 1-14.
  • I mottetti di Josquin Desprez: interpretazione attraverso l’analisi, «La Cartellina» XXIII-XXVII (119, 122, 125, 127, 128, 137, 143, 144, 148), 1999-2003.
  • Percorsi di lettura per la musica rinascimentale, «La Cartellina» XXV (132-133), 2001.
  • La musica italiana dalle origini al 1350, modulo didattico, Italian Culture on the Net, Università di Pisa - MURST, 2001, 35 pp.
  • Perché leggere un classico della musicologia: a proposito di “Willi Apel, Collected articles and rewievs”, «La Cartellina» XXVI (142), 2002.
  • Frammenti di giudizio di valore nel Rinascimento, in Early music: context and ideas. International Conference in musicology, Krakov, 18-21 Settembre 2003 (conference papers), pp. 9-20.
  • Appunti per un’analisi stilistica della polifonia rinascimentale, «Rivista Internazionale di Musica Sacra» XXV, 2004, pp. 139-178.
  • Musica e antichità classica nel Rinascimento: “Dulces exuviae”, «Quaderni dell’Accademia Sperelliana di Gubbio» I, a cura di Salvatore Geruzzi, Giardini, Pisa 2005, pp. 62-77.
  • (con Sandro Bolelli) Echi musicali della Palermo normanna, in Il Palazzo dei Normanni, Editrice Novecento, Palermo 2006, pp. 122-133.
  • Musici ritratti e auto-ritratti, in La nascita dell’individualismo, pp. 117-151.
  • Le parnasse de la viole, saggio per libretto di sala, XXV festival di musica antica, Amici della Musica di Cagliari, 2008, pp. 3-16.
  • La Milano degli Sforza, «Antiqua» I, ottobre 2009, 32pp.
  • Dresda negli anni di Bach. La trascrizione, l’originale, la copia, «Antiqua» II, gennaio 2010, 32pp.
  • Le cantate del Papa. Sacro e profano nella Roma del Seicento, «Antiqua» III, marzo 2010, 32pp.
  • Salisburgo nell’età dei lumi. Musiche per archi e fiati di Luigi Gatti e Wolfgang Amadeus Mozart, «Antiqua» IV, giugno 2010, 32pp.
  • Roma cinquecentesca. Intorno all’oratorio di San Filippo Neri, «Antiqua» V, settembre 2010, 32pp.
  • La Napoli degli Scarlatti: Scarlatti, Porpora, Matteis, Fiorenza, Greco, «Antiqua» VI, dicembre 2010, 32pp.
  • Bologna: l’università della musica. Padre Martini, «Antiqua» VII, aprile 2011, 32pp.
  • Josquin before 1919: The Sources for a Reception History, in Josquin and the Sublime, a cura di Albert Clement e Eric Jas, Brepols, Thurnout 2011, pp. 215-240.
  • Venezia nel Rinascimento: intavolature per liuto, «Antiqua» VIII, luglio 2011, 32pp.
  • Firenze 1600. La nascita dell’opera, «Antiqua» IX, ottobre 2011, 32pp.
  • Mantova e Ferrara capitali del Rinascimento, «Antiqua» X, febbraio 2012, 32pp.
  • I suoni di Tiepolo: musica e arte ala corte di Würzburg, «Antiqua XI», maggio 2012, 32pp.
  • La Milano dei Borromeo: musica e arte all’epoca dei Promessi sposi; composizioni di Giulio Cesare Ardemanio, «Antiqua» XII, ottobre 2012, 32pp.
  • La Parigi di Napoleone: musica e arte dalla Rivoluzione all’Impero, «Antiqua» XIII, maggio 2013, 32pp.
  • Il Cinquecento di metà Ottocento, saggio nel programma di sala di Rigoletto, Teatro Municipale di Piacenza, 2013, pp. 20-24 (ristampato anche dal Teatro Comunale di Bologna nel 2016, dalla Fondazione Donizetti nel 2017 e dal Teatro Lirico di Cagliari nel 2018).
  • Corelli a Roma: musica e mecenatismo tra Barocco e Arcadia, «Antiqua» XIV, ottobre 2013, 32pp.
  • Stile tipografico internazionale, cartellonistica e vita musicale, in Musica come pensiero e come azione. Studi in onore di Guido Salvetti, a cura di Andrea Estero, Maria Grazia Sità e Marina Vaccarini, Lucca, Lim, 2014, pp. 825-850.
  • Lubecca nel Seicento: musica e liturgia pasquale nelle città della lega anseatica, «Antiqua» XV, febbraio 2014, 32pp.
  • Berlino nel Settecento: musica e arte all’epoca di Federico il Grande, «Antiqua» XVI, maggio 2014, 32pp.
  • Lisbona nel Settecento: musica e rinascita sulle ceneri del terremoto, «Antiqua» XVII, settembre 2014, 32pp.
  • Parigi nel Seicento: musica e arti nella Versailles di Luigi XIV, «Antiqua» XVIII, dicembre 2014, 32pp.
  • La musica dei mercanti: i “concerti serali” del Seicento, «Antiqua» XIX, marzo 2015, 32pp.
  • Perché mettere in scena oggi “Juditha Triumphans” (e anche altri oratori), «La Fenice prima dell’opera» n. 5, 2015, pp. 35-44.
  • La musica al tempo di Dante, «Antiqua» XX, novembre 2015, 32pp.
  • Genova nel Seicento, «Antiqua» XXI, febbraio 2016, 32pp.
  • La musica del Giubileo, «Antiqua» XXII, giugno 2016, 32pp.
  • Amburgo nel Settecento, «Antiqua» XXIII, ottobre 2016, 32pp.
  • La musica di Ariosto, «Antiqua» XXIV, gennaio 2017, 32pp.
  • Il borgo dei gabbiani, in Peter Grimes, Teatro Comunale di Bologna, 2017, pp. 107-116.
  • Luci e ombre del Medioevo, «Antiqua» XXV, settembre 2017, 32pp.
  • Questa fanciulla, amor, fallami pia: la ballata e il madrigale, in Musica, Il Contributo italiano alla storia del pensiero, Istituto della Enciclopedia Italiana, Roma, Treccani, 2017, pp. 88-97.
  • Il suono nel Medioevo, in Musica, Il Contributo italiano alla storia del pensiero, Istituto della Enciclopedia Italiana, Roma, Treccani, 2017, pp. 27-31.
  • Un americano a Londra, anzi a Venezia, programma di sala della Cambiale di matrimonio di Gioachino Rossini, Teatro Lirico di Cagliari, 2019.
  • Annotazioni su Schubert e Shakespeare, in Shakespeare e le arti. Teatro, musica, arti visive, a cura di Maria Paola Altese e Giuseppe Collisani, Palermo, Il Palindromo, 2019, pp. 85-92.
  • La regina della notte di Verdi, in Macbeth, programma di sala, Cagliari, Teatro Lirico, 2019, pp. 19-25.
  • [insieme a Julia Lutz, Gabriele Schellberg, Leo Izzo, Marco Mangani, Serena Facci] "Popular music e didattica: esperienze e prospettive a confronto. Una tavola rotonda", in Popular music per la didattica. Prospettive, esperienze, progetti, a cura di Paolo Somigli e Alessandro Bratus, Roma, Franco Angeli, 2020, pp. 147-169.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Graphis, su www.graphis.com. URL consultato il 31 gennaio 2020.
  2. ^ http://www.graphis.com/competition/poster-annual-2012/archived/
  3. ^ Teatro Massimo, su Archivio Grafica Italiana. URL consultato il 31 gennaio 2020.
  4. ^ Santa Cecilia Zoo, su Archivio Grafica Italiana. URL consultato il 31 gennaio 2020.
  5. ^ Ronconi: gli anni della Scala, su Archivio Grafica Italiana. URL consultato il 31 gennaio 2020.
  6. ^ https://www.filcacisl.it/sindacato/wp-content/uploads/2010/07/Quaderno-PSF.pdf
  7. ^ System, LA LUCE VINCE L’OMBRA. GLI UFFIZI A CASAL DI PRINCIPE, su www.beniculturali.it. URL consultato il 31 gennaio 2020.
  8. ^ http://musei.beniculturali.it/progetti/lampedusa-verso-il-museo-della-fiducia-e-del-dialogo-per-il-mediterraneo
  9. ^ https://www.ilsicilia.it/i-carabinieri-dellarte-in-mostra-ecco-i-capolavori-restituiti/