Carlo Del Teglio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carlo Del Teglio.jpg

Carlo Del Teglio (Premana, 1º ottobre 1926Lecco, 5 gennaio 1988) è stato un poeta italiano[1][2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Premana in Alta Valsassina da Antonio Codega (cognome che il poeta cambierà in Del Teglio nel 1952[3]) e da Giulia Gianola.

Terminate le scuole elementari, Carlo, frequenta il ginnasio presso i Padri del Pime di Milano, che dovrà interrompere subito a causa dello scoppio della guerra. Dall'aprile '44 all'aprile '45, prenderà parte alle operazioni di guerra in montagna in qualità di partigiano volontario nella "Formazione Rosselli". Riprende gli studi alla fine del conflitto e alle soglie degli anni Cinquanta conseguirà il Diploma di Maestro elementare. Nell'aprile del '57 conseguirà la laurea in Belle Lettere a Milano con una tesi su Paolo Rolli, un poeta arcadico settecentesco. Trasferitosi successivamente a Lecco, inizia l'attività di insegnamento di lettere italiane e storia nelle scuole statali di istruzione secondaria.

Sempre agli anni Cinquanta risalgono le sue prime pubblicazioni in versi che risentiranno molto degli influssi dei crepuscolari e dei decadenti Pascoli e D'Annunzio; talvolta è stato notato il sentimento del contatto con la natura[4] o del contrasto natura-cultura[5]. Dagli anni Sessanta in poi, collaborerà attivamente a diversi periodici e riviste nazionali e alle rubriche letterarie e culturali della Radio della Svizzera Italiana. Un gruppo di sue poesie sono state accolte nell'"Almanacco dello Specchio" di Arnoldo Mondadori Editore per il 1985.

All'indomani della morte, viene esposta nel Museo Etnografico di Premana una bacheca alla sua memoria, dove sono custoditi, accanto alle sue opere, anche diplomi, targhe e medaglie.

Nel 2002 viene fondato a Lecco il Premio Nazionale di Poesia "Carlo Del Teglio".[6]

Nel 2012 viene pubblicato postumo, a cura di Giuseppe Leone[7], Il ricamo della regina, un racconto storico inedito ambientato al tempo della Rivoluzione francese. Nel 2014, sempre a cura di Giuseppe Leone, viene pubblicata per le edizioni "Il Melabò" l'opera poetica omnia di Carlo Del Teglio, con il titolo di Tutte le poesie.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • I canti del mio lago, Milano, M. Gastaldi, 1954 (opera prima).
  • L'ospite meraviglioso. Poesie, Lecco, E. Bartolozzi, 1957.
  • Concerto d'autunno, Parma, Guanda, 1964.
  • Sulle rive del tempo. Poesie, Milano, Mondo Letterario, 1968.
  • Poliritmi e suites, Lecco, Edizioni Lariane, 1971.
  • Abbagli terrestri, Milano, Pan, 1974.
  • Le profonde radici, Prefazione di Carlo Saggio, Como, Edizione della rivista Como, 1974.
  • Il fabbro e la fortuna, Lecco, Edizioni Lariane, 1978.
  • Bosco d'inverno. Poesie (1974-1979), Besana Brianza, Edizioni GR, 1980.
  • Canti celtici. Poesie (1979-1982), Besana Brianza, Edizioni GR, 1982.
  • Il guerriero e l'eremita. Leggenda valsassinese del sec. XII, Lecco, Grafiche F.lli Maggioni, 1983.
  • Poesie, in «Almanacco dello specchio», 12/1985.
  • Leucensia. Prose fra lago e monte (1958-1983), Lecco, C.B.R.S., 1985.[8]
  • Vita in provincia. Poesie, Bologna, Cappelli, 1987.
  • Il ricamo della regina, a cura di Giuseppe Leone, Lecco, P. Cattaneo, 2012.
  • Tutte le poesie, a cura di Giuseppe Leone, con un saggio critico-musicale di Roberto Zambonini, Lecco, Il Melabò, 2014.

Altre pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Del Teglio, L'opera postuma di Antonia Pozzi poetessa d'Italia, in «Lecco», rivista di cultura e turismo, XIII (1954), n. 1.
  • Fausto Valsecchi, Versi e novelle (1890-1914), a cura di Carlo Del Teglio, Lecco, E. Bartolozzi,1966.
  • A. Bonora, a cura di Carlo Del Teglio, Oggiono, P. Cattaneo, 1980.
  • Carlo Del Teglio, Leonardo viaggiatore in Valsassina, Lecco, Associazione G. Bovara, Tipografia editrice Beretta, 1982 (estr. da «Archivi di Lecco», luglio-settembre 1982).
  • Carlo Del Teglio, Il grado e la qualità della cultura popolare nei decenni postunitari presso le popolazioni a oriente del Lario, in Arte, letteratura società. La provincia di Como dal 1861 al 1914, a cura di Luciano Caramel, Milano, Mazzotta, 1988, pp. 61-78.
  • Carlo Del Teglio, La figura e l'opera di un artista della nostra terra: Giambattista Todeschini, Lecco, Associazione G. Bovara, 1987 ( estr. da «Archivi di Lecco», luglio-settembre 1986).
  • Francesco Sacchi, Canto corale premanese. Repertorio tradizionale, Saggio introduttivo di Carlo Del Teglio, Lecco, Editrice Lecchese, 1986.
  • Carlo Del Teglio, Artisti della nostra terra. Giancarlo Vitali e i personaggi, l'umanità, la vita del suo borgo lacustre, Lecco, Associazione G. Bovara, 1987 (estr. da «Archivi di Lecco», gennaio-marzo 1987).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carlo Del Teglio, scrittore e cantore valsassinacultura.it
  2. ^ Storia del Coro Nives di Premana - anni '70 Archiviato il 30 maggio 2009 in Internet Archive.
  3. ^ Teglio, in dialetto Tei, tiglio, era appunto la località dove sorgeva la casa paterna.
  4. ^ L'Osservatore politico letterario, Volume 21 , 1975
  5. ^ ilmelabo.it
  6. ^ “Premio Nazionale di poesia Carlo Del Teglio”[collegamento interrotto] provincia.lecco.it
  7. ^ Insegnante di lettere e scrittore, nato a Lecco il 12 febbraio 1948.
  8. ^ Contiene tra l'altro, nella sezione "Scrittori di casa nostra", saggi critici su: Massimo Bontempelli, Luciano Erba, Marino Moretti, Giuseppe Pontiggia, Maria Luisa Spaziani.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Arturo Della Torre, "Del Teglio, l'essenza di una poesia", in «Il Punto Stampa», agosto 1980.
  • Alberto Longatti, "Parole, musica sottile", in «Taccuino», 6 gennaio 1988.
  • Antonio Bellati, "Carlo Del Teglio: la vita, l'artista, l'uomo", in «Il Resegone», 15 gennaio 1988.
  • Giuseppe Leone, “Carlo Del Teglio a dieci anni dalla morte. Un poeta lirico dimenticato”, in “Ricorditi di me…”, in «Lecco 2000», marzo 1998.
  • Gianfranco Scotti-Michela Magni, "Poesia tra lago e monti", Viennepierre Edizioni, pp. 105–112, Lecco 2002.
  • Giuseppe Leone, La poesia di Carlo del Teglio. Saggio critico, Lecco, P. Cattaneo, 2003.
  • Aloisio Bonfanti, "Carlo Del Teglio: croci e delizie del provincialismo", in «La Provincia», Lecco, 5 gennaio 2003.
  • Germano Campione, "L'arte di Carlo Del Teglio", in «Gazzetta di Lecco», 2 giugno 2003.
  • Ines Corti Villa, "Sulla poesia di Del Teglio non cali l'oblìo", in «Gazzetta di Lecco», 16 giugno 2003.
  • Giuseppe Leone (a cura di), "Carlo Del Teglio", su "Poeti, poesia e solidarietà all'istituto "Parini", in "Cento...allora? - Il "secolo breve" dell'istituto "G. Parini" di Lecco", 1908/2008, Cattaneo Editore, Oggiono (Lecco), 2008, pp. 121-125.
  • Franco Infante, "A Carlo Del Teglio", su "I poeti del "Parini", in "Cento...allora? - Il "secolo breve" dell'istituto "G. Parini" di Lecco", 1908/2008, Cattaneo Editore, Oggiono (Lecco), 2008, pp. 124-125.
  • Gianfranco Scotti, su "Piera Badoni e la poesia lecchese del Novecento", in «Archivi di Lecco e della provincia», dicembre 2014, pp. 72-74.
  • Maria Vittoria Sala, "Carlo Del Teglio, l'anima celtica della Valsassina arcaica e incantata", in «Terra Insubre», n.72, gennaio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]