Carlo Cressini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tramonto sereno (Foscagno - Valtellina), 1920-1925 (Fondazione Cariplo)

Carlo Cressini (Genova, 3 novembre 1864Milano, 13 maggio 1938) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Genova da Daniele e da Fanny Lavidge, famiglia benestante che si trasferisce prima a Milano e da qui a Torino. Carlo si iscrive all'Accademia Albertina. Nel 1884 torna nella città lombarda, ospite della sorella Elisa, madre di Carlo Guzzi, per proseguire gli studi all'Accademia di Belle Arti di Brera, allievo di Giuseppe Bertini. Partecipa regolarmente alle manifestazioni milanesi e torinesi. Nel 1887 è alla Nazionale di Venezia e, sempre a Venezia, partecipa nel 1897 all'Esposizione internazionale d'arte dove tornerà nel 1899, 1914 e dal 1920 al 1928. Dopo le prime prove nel ritratto e nella natura morta, a partire dall'ultimo decennio dell'Ottocento si dedica alla pittura di paesaggio, guardando al naturalismo di Filippo Carcano e, come questi, trovando ispirazione dai luoghi incontaminati delle Alpi italiane e svizzere. Verso la metà del primo decennio del nuovo secolo sperimenta la pittura divisionista proseguendo in questa ricerca fino agli ultimi anni di attività.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN45105176 · ISNI (EN0000 0000 6677 128X · LCCN (ENnr94021021 · GND (DE119140012 · ULAN (EN500132993
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie