Carlo Ceppi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Carlo Ceppi (Torino, 11 ottobre 1829Torino, 9 novembre 1921) è stato un ingegnere e architetto italiano.


Carlo Ceppi
Conte
Trattamento Sua Eccellenza
Nascita Torino, 11 ottobre 1829
Morte Torino, 9 novembre 1921
Padre Conte Lorenzo Ceppi
Religione cattolicesimo
La facciata della stazione di Porta Nuova, a Torino.
Il Palazzo Bellia in via Pietro Micca.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del Conte e Senatore Lorenzo Ceppi e Cristina Giulia Ceroni, figlia dell'artchitetto Giuseppe Antonio Ceroni, Carlo seguì le orme del nonno e si laureò nel 1851 come ingegnere idraulico ed architetto civile. Attivo nell'area torinese, il Ceppi s'interessò inizialmente di edilizia sacra. Fu suo il progetto dell'edificazione della parrocchia di San Gioacchino, realizzata tra il 1876 ed il 1882, e della Chiesa del Sacro Cuore di Maria (1887), nel cuore del quartiere San Salvario. Realizzò inoltre alcuni arredi (tra questi il pulpito e il confessionale della Basilica Mauriziana di Torino) e si adoperò per la sistemazione del pronao della Chiesa delle Sacramentine. Sempre a Torino, progettò inoltre l'elegante pronao del Santuario della Consolata e le cappelle ellittiche che coronano il santuario, in gusto neo-barocco. Successivamente, si diede alla progettazione di varie opere architettoniche, in un gusto artistico molto particolare, tra l'eclettico e il liberty torinese.

Tra i suoi progetti più importanti:

Tra il 1880 e il 1890 operò anche fuori Torino, e precisamente a Valenza (AL), dove realizzò due progetti di ville: per i Ceriana-Mazzucchetto e per i Ceriana-Astigliano.

Suo fu inoltre il progetto del castello che dal 1907 domina la città di Aosta, noto come Castello Beauregard, dall'omonimo nome della frazione ove sorge. Edificato per volere del Barone Carlo Alberto Jocteau, è sede del Comando della Scuola Militare Centrale di Alpinismo dal 9 gennaio 1934. Attualmente il nome dell'ente è diventato Centro Addestramento Alpino-Scuola Militare.

L'ultimo grande e ambizioso progetto a cui si dedicò fu lo Stadium, un grande edificio sportivo polifunzionale inaugurato in pompa magna nel 1911 a ridosso del quartiere Crocetta di Torino, e demolito nel 1946.

A lui è dedicato uno dei viali del Parco del Valentino a Torino. È sepolto nel Cimitero monumentale di Torino.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN1109220 · SBN: IT\ICCU\MILV\173818 · GND: (DE130083488 · ULAN: (EN500073934 · CERL: cnp00652091