Carlo Calisse

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Carlo Calisse

Deputato del Regno d'Italia
Durata mandato24 marzo 1909 –
29 settembre 1919
LegislaturaXXIII, XXIV
Gruppo
parlamentare
(non indicato)
CollegioCivitavecchia
Sito istituzionale

Senatore del Regno d'Italia
Durata mandato11 dicembre 1919 –
1945
Legislaturadalla XXV
Sito istituzionale

Dati generali
Titolo di studioLaurea in giurisprudenza
ProfessioneGiurista, docente

Carlo Calisse (Civitavecchia, 29 gennaio 1859Roma, 22 aprile 1945) è stato un giurista e politico italiano.

Diritto ecclesiastico, 1903

Allievo di Francesco Schupfer all'università di Roma, storico del diritto italiano ed ecclesiastico, è ricordato come uno dei più insigni giuristi italiani della sua epoca. Cattolico militante, dà un fondamentale contributo soprattutto alla storia del diritto ecclesiastico nel quadro delle discipline giuridiche italiane. In cattedra dal 1886, insegna storia del diritto italiano a Macerata, Siena (dove tiene un parallelo corso di diritto canonico) e Pisa.

Nel 1907 lascia l'insegnamento per la nomina a consigliere di Stato, che fino al 1930 cumula con due elezioni a deputato e le cariche di consigliere provinciale di Roma, direttore della Biblioteca Vallicelliana, giudice del Tribunale supremo della guerra e della marina, membro del Consiglio superiore della Pubblica Istruzione, della Società romana di storia patria, socio corrispondente e nazionale dell'Accademia dei Lincei.

Dal 1928 al 1933 insegna all'università di Roma. Nominato senatore del Regno nel 1919, il 6 dicembre 1923 diventa anche presidente di sezione del Consiglio di Stato[1].

Fu presidente dell'Istituto storico italiano per il Medio Evo dal 1943 alla morte.

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria
Grande Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia decorato di Gran Cordone - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria
Ufficiale dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria
Commendatore dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria
Grande Ufficiale dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente dell'Istituto storico italiano per il Medio Evo Successore
Pietro Fedele 1º giugno 1943 - 22 aprile 1945 Gaetano De Sanctis (commissario)
Controllo di autoritàVIAF (EN61931476 · ISNI (EN0000 0001 2027 0225 · SBN RAVV057053 · BAV 495/152989 · LCCN (ENn87900950 · GND (DE1200930029 · BNF (FRcb10302648t (data) · J9U (ENHE987007273295505171