Carlo Alessandro di Lorena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carlo Alessandro di Lorena
Charles Alexandre de Lorraine.jpg
Gran maestro dell'Ordine teutonico
Stemma
In carica 6 febbraio 1761 –
4 luglio 1780
Predecessore Clemente Augusto di Baviera
Successore Massimiliano d'Asburgo-Lorena
Governatori dei Paesi Bassi Austriaci
In carica 16 dicembre 1744 –
4 luglio 1780
Predecessore Maria Anna d'Asburgo
Successore Maria Cristina d'Asburgo-Lorena
Alberto di Sassonia-Teschen
Nascita Lunéville, 12 dicembre 1712
Morte Tervuren, 4 luglio 1780
Luogo di sepoltura Concattedrale di San Michele e Santa Gudula
Dinastia Lorena
Padre Leopoldo di Lorena
Madre Elisabetta Carlotta di Borbone-Orléans
Consorte Maria Anna d'Asburgo
Carlo Alessandro di Lorena
Martin van Meytens 007.jpg
Ritratto di Carlo Alessandro di Lorena
Martin van Meytens, 1743
NascitaLunéville, 12 dicembre 1712
MorteTervuren, 4 luglio 1780
Dati militari
Paese servitoBanner of the Holy Roman Emperor (after 1400).svg Sacro Romano Impero
Forza armataEsercito del Sacro Romano Impero
ArmaFanteria
Anni di servizio1740-1757
Grado

Feldmaresciallo del Sacro Romano Impero, Brigadiere Generale dell'Esercito Imperiale

Guerre

Guerra di successione austriaca Prima guerra di Slesia Guerra dei sette anni

Battaglie

Battaglia di Chotusitz Battaglia di Praga Battaglia di Breslavia Battaglia di Leuthen Battaglia di Hohenfriedberg Battaglia di Soor

Comandante diErcole III d'Este
Decorazioni

Cavaliere del Toson d'Oro Gran maestro dell'Ordine teutonico

voci di militari presenti su Wikipedia

Carlo Alessandro di Lorena (Lunéville, 12 dicembre 1712Tervuren, 4 luglio 1780) era figlio del duca Leopoldo di Lorena e di Elisabetta Carlotta di Borbone-Orléans.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Quando suo fratello maggiore Francesco III Stefano, duca di Lorena e di Bar dalla morte del padre, sposò l'arciduchessa Maria Teresa, figlia dell'imperatore Carlo VI, il titolo ducale passò a Stanislao Leszczyński, nel 1737. Si trasferì a Vienna.

La carriera militare[modifica | modifica wikitesto]

Nella guerra contro i turchi, combatté come brigadiere generale e, il 22 novembre 1740, fu nominato feldmaresciallo.

Durante la guerra di successione austriaca, si distinse come uno dei principali comandanti austriaci, ma fu sconfitto da Federico il Grande nella battaglia di Chotusitz del 1742. Dopo la pace di Breslavia, combatté con successo contro i bavaresi e i francesi, attraversò il Reno nel 1744 e si impadronì di una grossa parte dell'Alsazia, finché non fu richiamato in Boemia a seguito della seconda dichiarazione di guerra della Prussia. Consigliato dal feldmaresciallo Otto Ferdinando von Traun, cacciò Federico II dalla Boemia, ma fu da questi sconfitto il 4 giugno 1745 a Hohenfriedberg, e in settembre a Soor. Venne inoltre sconfitto da Maurizio di Sassonia nella battaglia di Rocoux del 1746.

Nel corso della guerra dei sette anni, comandò le armate austriache nella battaglia di Praga, dove venne nuovamente sconfitto. Riuscì infine a sconfiggere una piccola parte delle armate prussiane nella battaglia di Breslavia del 1757, prima di essere nuovamente sconfitto da Federico II di Prussia nella battaglia di Leuthen il 5 dicembre 1757.

Il matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 gennaio 1744 sposò, con apposita dispensa papale a causa del grado di parentela, l'unica sorella di Maria Teresa, Maria Anna, divenendo doppiamente cognato dell'imperatrice[1] e venendo nominati entrambi governatori dei Paesi Bassi austriaci. Anche se Maria Anna morì quello stesso anno, continuò a governarli da solo sino alla propria morte, nel 1780.

Governatore e Gran Maestro[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la sua ultima sconfitta, venne rimpiazzato dal conte Leopold Josef Daun e si ritirò dal servizio militare.

Impegnato dal 1747 fino al 1749 con la riforma dell'esercito austriaco, tornò in Belgio nell'aprile 1749. A Bruxelles, guidò con sensibilità la situazione del Brabante. Come governatore generale, favorì il benessere nel paese, impiantò industrie, promosse il commercio e l'arte. Allorché il Gran Maestro dell'Ordine Teutonico, Clemente Augusto di Baviera, morì nel 1761, fu prescelto all'unanimità come Gran Maestro.[2] Risanò la situazione finanziaria dell'Ordine, assolvendo ai suoi doveri anche dal Belgio.

Il 4 giugno 1773, dopo il parere favorevole del governo, permise di fornire a Henriette de Robespierre, sorella minore di Maximilien de Robespierre, nata fuori dal Sacro Romano Impero, una borsa di studio per il convento di Manarres, a Tournai.[3][4]

Alla sua morte fu sepolto a Bruxelles.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro e Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Teutonico - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Teutonico
Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (austriaco) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (austriaco)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In quanto marito della sorella e contemporaneamente fratello del marito di Maria Teresa.
  2. ^ Poiché non era ancora membro dell'ordine, fu fatto cavaliere del medesimo, esonerato dal periodo di prova di un anno e subito posto nella sua carica di Gran Maestro.
  3. ^ Auguste Joseph Paris, La jeunesse de Robespierre et la convocation des États généraux en Artois, 1870, pp. 18-20.
  4. ^ Bulletins de l'Académie royale des sciences, des lettres et des beaux-arts de Belgique, 1857, pp. 147-149.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Feldmaresciallo del Sacro Romano Impero Successore Banner of the Holy Roman Emperor (after 1400).svg
Francesco di Lorena 17401741 Gundacker von Althan
Predecessore Governatore dei Paesi Bassi Austriaci Successore Austrian Low Countries Flag.svg
Federico Augusto di Harrach-Rohrau 17441780 Maria Cristina d'Asburgo-Lorena e Alberto di Sassonia-Teschen
Predecessore Gran Maestro dell'Ordine Teutonico Successore Coat of arms of the Teutonic Order.png
Clemente Augusto di Baviera 17611780 Massimiliano d'Asburgo-Lorena
Controllo di autoritàVIAF (EN52490059 · ISNI (EN0000 0001 2133 1616 · Europeana agent/base/147811 · LCCN (ENn82104623 · GND (DE119013797 · BNF (FRcb12019318q (data) · ULAN (EN500233164 · BAV (EN495/181534 · CERL cnp00403062 · WorldCat Identities (ENlccn-n82104623