Carlo Albizzati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Carlo Albizzati (Milano, 14 febbraio 1888[1]Milano, 13 ottobre 1950) è stato un archeologo, storico dell'arte e numismatico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si laureò nel 1912 all'Università di Pavia.

Dopo laureato passo anni di studio a Roma, in particolare ai Musei vaticani.

Dal 1924 insegnò archeologia e storia dell'arte classica a Messina e a Cagliari, e in seguito, nel 1929 si trasferì all'università di Pavia. Dopo la guerra, nel 1947, iniziò a insegnare all'Università di Milano, insegnamento che proseguì fino alla sua morte[1].

Rilevante la sua opera Vasi antichi dipinti del Vaticano pubblicata in 7 volumi a Roma dal 1924 al 1938[1].

Durante la permanenza a Cagliari studiò problemi legati all'archeologia sarda pubblicando saggi: Sardus Pater (1927), Due problemi di numismatica sardo-romana (1928)[1].

Collaborò episodicamente con la Rivista italiana di numismatica con il saggio L'ultima toga “RIN” 35 (1922).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d DBI.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN88633011 · ISNI (EN0000 0000 6180 5604 · SBN IT\ICCU\UFIV\081155 · BNF (FRcb11496851d (data) · BAV ADV10016621 · WorldCat Identities (EN88633011