Carl de Vogt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carl de Vogt nel 1920. Foto di Alexander Binder

Carl de Vogt, all'anagrafe Carl Bernhard de Vogt (Colonia, 14 settembre 1885Berlino, 16 febbraio 1970), è stato un attore e cantante tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Colonia, Carl de Vogt era figlio di Elisabeth Mommertz e di Balthasar de Vogt, un compositore di caratteri tipografici. Seguendo la professione paterna, Carl imparò dapprima la composizione tipografica e poi si iscrisse alla scuola di arte drammatica di Colonia, ove frequentò corsi di recitazione, di canto e di danza.

Su sua stessa indicazione, de Vogt cominciò la sua attività di cantante ed attore nel 1908. La sua prima scrittura la ottenne a Magonza, esibendosi sul palcoscenico insieme a Käthe Dorsch. Lavorò in seguito a Friburgo ed al Konzerthaus di Berlino.

Durante la Prima guerra mondiale, servì l'esercito dal 22 luglio 1915 al dicembre dello stesso anno.

Nel 1916 ebbe il suo primo ruolo cinematografico nel film Schwert und Herd. In seguito ottenne altri ruoli e divenne famoso nel 1919 con il ruolo del protagonista Kay Hoog nel film I ragni: il lago d'oro del regista Fritz Lang. A cavallo tra la fine degli anni dieci e l'inizio dei venti, prese parte ai primi quattro film di Fritz Lang. Accanto all'attività cinematografica, de Vogt continuò a recitare al Prinzregententheater di Monaco ed a cantare brani della tradizione tedesca, accompagnandosi con il liuto.

Si sposò con l'attrice Cläre Lotto da cui ebbe almeno un figlio, Karl Franz de Vogt (nato il 14 maggio 1917), che in seguito divenne produttore cinematografico. Carl de Vogt e Cläre Lotto hanno lavorato insieme in almeno 19 film, tra cui Allein im Urwald, Auf den Trümmern des Paradieses, Die Todeskarawane e Dämon Zirkus.

Attore di successo, Carl de Vogt continuò a recitare in diversi film e proseguì anche la sua carriera di cantante. Dal 1927 fece diverse incisioni di brani di successo o come voce narrante di melodrammi popolari e patriottici (come ad esempio Der Fremdenlegionär), accompagnato da orchestra. Nell'aprile del 1933 Carl de Vogt si iscrisse all'NSDAP, all'NSBO ed entrò nelle SA. Oltre a recitare fu anche attivo come doppiatore di film stranieri, ad esempio del film Ramona con Loretta Young e Don Ameche. Durante la Seconda guerra mondiale si esibiva con dei concerti per le truppe al fronte, durante i quali raccontava dei suoi viaggi e cantava brani legati al tema dei soldati e della patria. Dopo la fine della guerra, in qualità di ex membro del partito nazionalsocialista Carl de Vogt ricevette a Berlino il divieto all'esercizio della professione, potendo dunque apparire soltanto al di fuori della capitale ed in ruoli minori.

Il suo ultimo ruolo lo ebbe nel 1963 ne Lo strangolatore dalle 9 dita a 78 anni di età. Viveva in un ricovero per anziani a Berlino, dove occasionalmente si esibiva ancora cantando ed accompagnandosi con il liuto. Sebbene Carl de Vogt fosse un personaggio di grande fama negli anni venti, oggi non si hanno più molte informazioni sulla sua vita. E nonostante avesse girato più di 130 film, morì nel 1970 a 84 anni praticamente da sconosciuto.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN49034818 · LCCN: (ENno2008052805 · GND: (DE117468282 · BNF: (FRcb16631421z (data)