Carcharhinus obsoletus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Squalo perduto
Carcharhinus obsolerus.png
Stato di conservazione
Status iucn3.1 CR it.svg
Critico[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Chondrichthyes
Sottoclasse Elasmobranchii
Ordine Carcharhiniformes
Famiglia Carcharhinidae
Genere Carcharhinus
Specie C. obsoletus
Nomenclatura binomiale
Carcharhinus obsoletus
White, Kyne e Harris, 2019
Sinonimi

Carcharhinus obsolerus
White, Kyne e Harris, 2019)

Lo squalo perduto[2] (Carcharhinus obsoletus White, Kyne e Harris, 2019), precedentemente noto come il falso squalo coda piccola o falso Carcharhinus porosus, è una specie molto rara di squalo della famiglia Carcharhinidae e del genere Carcharhinus. Si conoscono solo 3 esemplari di questa specie, trovati in Borneo, Vietnam e Thailandia, tutti morti e rinvenuti oltre 80 anni prima dall'identificazione della specie. Gli esemplari erano stati originariamente assegnati provvisoriamente come appartenenti allo squalo coda piccola (C. porosus), ma una serie di sottili differenze morfometriche ha rivelato che appartenevano a una nuova specie di Carcharinus. Si differenzia dalle altre specie Carcharinus per la posizione relativa della seconda pinna dorsale e anale, nonché per il suo basso numero di vertebre.[3][4]

Scoperta[modifica | modifica wikitesto]

Il team dell'australiano William White identificò questa specie nel 2019 analizzando 3 diversi esemplari che giacevano conservati nelle collezioni dei musei. Tali esemplari erano stati pescati nelle acque di Borneo, Vietnam e Thailandia tra il 1897 e il 1934.[2] I biologi esaminarono dettagli come forma e numero dei denti e chiarirono che si trattava di un nuovo membro del genere degli squali grigi. Poiché nessun individuo è stato identificato per oltre 80 anni, C. obsoletus potrebbe già essere estinto. Come altri membri del sottogruppo C. porosus, C. obsoletus probabilmente aveva una fecondità limitata e viveva in acque poco profonde facilmente accessibili ai pescatori, cosa che lo metteva a forte rischio di estinzione a causa della pesca eccessiva.[2] Tuttavia, la riscoperta dello squalo del Borneo (C. borneensis) nel 2004 dopo un lungo periodo senza avvistamenti ha mantenuto le speranze per la sua possibile sopravvivenza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Dulvy, N.K., Kyne, P.M., Finucci, B. & White, W.T. 2020, Carcharhinus obsoletus, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020.
  2. ^ a b c Giovanna Camardo, Il caro estinto - Lo squalo appena scoperto e già scomparso, in Focus, n. 320, Gruppo Mondadori, 21 maggio 2019 (giugno 2019), p. 10.
  3. ^ (EN) Mark Harris, Lost before found: A new species of whaler shark Carcharhinus obsoletus from the Western Central Pacific known only from historic records, in PLOS ONE, vol. 14, n. 1, 2 gennaio 2019, p. e0209387, DOI:10.1371/journal.pone.0209387, ISSN 1932-6203 (WC · ACNP), PMC 6314596.
  4. ^ (EN) Josh Gabbatiss, New ‘lost’ shark species may already be extinct due to overfishing, su The Independent, The Independent, 4 gennaio 2019. URL consultato il 7 gennaio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci