Carbossimetilcellulosa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carbossimetilcellulosa
Carboxymethyl cellulose.png
Abbreviazioni
CMC
E466
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C8H16O8
Numero CAS 9000-11-7
PubChem 24748
SMILES CC(=O)O.C(C(C(C(C(C=O)O)O)O)O)O
Indicazioni di sicurezza

La carbossimetilcellulosa, o CMC, è un polimero derivato della cellulosa in cui alcuni gruppi ossidrili (-OH) sono sostituiti da carbossimetili (-CH2-COOH).

Trattasi di un additivo alimentare identificato dal codice E466, usato in particolare come addensante e anche nell'industria cartaria per la produzione di carte da imballaggio alimentare.

Col codice E466 viene indicato anche il sale sodico del polimero, ovvero la carbossimetilcellulosa sodica, composto ottenuto trattando la cellulosa prima con alcali e poi con monocloroacetato di sodio; ha l'aspetto di polvere fibrosa o granulare, di colore dal bianco crema al bianco; solubile in acqua sia fredda che calda. È stabile in un intervallo di pH da 5 a 10 ed ha una buona compatibilità nei confronti dell'alcool: nelle dispersioni a bassa concentrazione se ne può aggiungere sino al 40 per cento. Ha proprietà stabilizzanti e di colloide protettore, ritarda la crescita di cristalli di zucchero ad una concentrazione d'uso dello 0,2-2%. È incompatibile con sali di- e tri- valenti e tensioattivi cationici ed ha scarso potere sospendente.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia