Caraá

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Caraá
comune
Caraá – Stemma Caraá – Bandiera
Localizzazione
Stato Brasile Brasile
Stato federato Bandeira do Rio Grande do Sul.svg Rio Grande do Sul
Mesoregione Porto Alegre
Microregione Osório
Amministrazione
Prefetto Silvio Miguel Fofonka (PP) dal 2013
Data di istituzione 28 dicembre 1995
Territorio
Coordinate 29°47′32″S 50°26′05″W / 29.792222°S 50.434722°W-29.792222; -50.434722 (Caraá)Coordinate: 29°47′32″S 50°26′05″W / 29.792222°S 50.434722°W-29.792222; -50.434722 (Caraá)
Altitudine 38 m s.l.m.
Superficie 294,323 km²
Abitanti 7 312[1] (2010)
Densità 24,84 ab./km²
Comuni confinanti Osório, Riozinho, Maquiné, Santo Antônio da Patrulha
Altre informazioni
Cod. postale 95 515-000
Fuso orario UTC-3
Codice IBGE 4304713
Nome abitanti caraense
Patrono Nossa Senhora das Lágrimas
Inno Nossa terra – Caraá!
Motto um tesouro atrás dos montes (un tesoro dietro i monti)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Brasile
Caraá
Caraá
Caraá – Mappa
Localizzazione di Caraá in Brasile (sopra)
e nel Rio Grande do Sul (sotto).
Sito istituzionale

Caraá è un comune del Brasile nello Stato del Rio Grande do Sul, parte della mesoregione Metropolitana de Porto Alegre e della microregione di Osório.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Situato nella parte più meridionale del Brasile, si trova a ridosso dell'altopiano della regione del Litoral Norte, una quarantina di km a occidente dell'oceano Atlantico, da cui è separato da una vasta zona costiera a lagune e da una lunga catena collinare. Un'ottantina di km più a ovest sorge Porto Alegre, mentre poco più a sud (una ventina di km in linea d'aria, ma circa il doppio su strada) si incontra Osório.

Il territorio comunale presenta un rilievo accidentato favorito dall'erosione, dalla scarpata dell'altopiano e da alcune valli fluviali con pendii piuttosto ripidi a causa delle rocce vulcaniche, resistenti allo sgretolamento, da cui è formato il terreno nella parte settentrionale di Caraá. Qui infatti si trovano le sorgenti del rio dos Sinos, che formano una cascata di acqua cristallina alta 123 m. Pressoché tutta la superficie comunale (il 95%) è compresa nel bacino idrografico di questo fiume, mentre il restante 5% spetta a quello del rio Caraá, che taglia in due l'abitato prima di sfociare nel rio dos Sinos. Entrambi i fiumi rientrano comunque nel più vasto bacino del rio Jacuí.

Dal punto di vista della vegetazione, Caraá conserva il bioma della tipica foresta pluviale costiera brasiliana (la Mata Atlântica), ma si è calcolato che questo tipo di flora ricoprisse originariamente il 70% del territorio comunale, mentre oggi si aggirerebbe intorno a un 14% inserito in un'area naturale protetta (parzialmente condivisa con il comune confinante di Riozinho) che comprende anche le sorgenti del rio dos Sinos con la loro celebre cascata, la vegetazione lussureggiante e lo storico insediamento colonico di Fraga.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome di una pianta

I primi abitanti della zona presero a chiamare la località con il nome di Caraá per l'abbondante presenza di una graminacea che veniva utilizzata come materia prima per i loro prodotti artigianali. La pianta, la caraá appunto, era una specie di bambù sottile impiegato soprattutto a scopi ornamentali.

I primi abitanti di Caraá furono gli indígeni che diedero questo nome alla località. Molto più tardi (XVI secolo) giunsero i coloni portoghesi, che tuttavia si limitarono a un popolamento sparso della regione, soprattutto lungo i tratturi utilizzati dal bestiame per scendere dalle montagne verso le pianure costiere e raggiungere poi São Paulo. La colonizzazione vera e propria si realizzò solo con l'arrivo degli immigrati e con gli incentivi del governo federale: nella seconda metà dell'Ottocento tutta la zona si andò trasformando rapidamente con la nascita di diversi agglomerati urbani (come Vila Nova do Sul o São Sepé) e di nuove divisioni amministrative (le freguesias, preliminari all'istituzione dei comuni).

Anche Caraá partecipò a tale sviluppo grazie all'arrivo di numerosi immigrati portoghesi, tedeschi, polacchi e principalmente Italiani. Già porzione del comune di Santo Antônio da Patrulha, Caraá divenne un municipio autonomo il 28 dicembre 1995 (è la data che compare anche nello stemma comunale e corrisponde a quella della legge statale istitutiva n. 10.641). La prima compagine amministrativa vi è stata effettivamente insediata il 1º gennaio del 1997.

Ricorrenze[modifica | modifica wikitesto]

  • 28 febbraio: festa patronale di Nossa Senhora das Lágrimas e pellegrinaggio all'omonimo santuario.[3]
  • metà di marzo: festa regionale del feijão (fagiolo) e dell'immigrante italiano.[4]
  • 25 ottobre: anniversario della città, che si celebra insieme alla Festcana, la festa della canna da zucchero istituita nel 2000 e che ogni anno richiama numerosi visitatori (circa 10.000 nel 2010).[5]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Gli italiani di Caraá[modifica | modifica wikitesto]

Come detto, notevole fu il contributo italiano allo sviluppo di Caraá durante l'Ottocento grazie all'arrivo di un numero decisamente consistente di immigrati provenienti soprattutto dalla provincia di Bergamo e, in particolare, dalla zona di Treviglio. Insediatisi stabilmente nel paese d'adozione, essi ne costituiscono ancora oggi la maggioranza della popolazione e vi hanno trapiantato, insieme alle indubbie capacità di adattamento e di laboriosità, anche la propria lingua e le proprie tradizioni.

La testimonianza più evidente è stata l'adozione a Caraá della stessa patrona di Treviglio, la Madonna delle Lacrime, qui divenuta Nossa Senhora das Lágrimas, la cui festa si celebra in entrambe le località il 28 di febbraio. Da oltre un secolo la devozione popolare accompagna la festa patronale con un pellegrinaggio molto seguito (circa 15.000 partecipanti nel 2012)[3] che porta in processione la statua della Madonna al santuario di Nossa Senhora das Lágrimas, eretto sull'altopiano caraense nel 1869 e restaurato nel 2003.[6]

Più legata agli aspetti economici e turistici, ma sempre connessa alla presenza italiana, è la festa regionale del feijão (fagiolo),[7] che si svolge nel fine settimana della metà di marzo in concomitanza con quella dell'immigrante italiano e si tiene in località Fraga (uno storico insediamento colonico che raccoglie in un museo le testimonianze dell'immigrazione italiana nella regione).[4]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Incisione secentesca raffigurante la fabbricazione di zucchero e rapadura in Brasile.

Centro costituito in massima parte da piccole proprietà fondiarie, vi si pratica essenzialmente l'agricoltura, in particolare la coltivazione della canna da zucchero, tipica di tutta la regione. Di conseguenza i suoi prodotti principali sono lo zucchero "marrone" (anche sotto la forma di rapadura) e la cachaça (un'acquavite ottenuta dalla distillazione del succo di canna da zucchero), entrambi di fabbricazione artigianale. Altre coltivazioni riguardano i prodotti ortofrutticoli: cavoli, barbabietole, pomodori, fagioli, mais, tabacco, riso, manioca e la patata dolce (la cosiddetta batata). Vi si allevano pure suini e bovini.

Insieme alle pratiche agricole, fra la popolazione è diffusa anche la "mentalità" rurale con le sue logiche familiari, la cultura comunitaria e il rispetto per la tradizione. Proprio per questa sua "autenticità" la zona, benché interna e in qualche modo "modesta", si è rivelata particolarmente adatta e accogliente per alcune tipologie di turísmo moderno (come quello responsabile, culturale, rurale, d'avventura, ecologico o ecosostenibile), interessato a conoscere usi e costumi, fattori culturali e religiosi, elementi folcloristici e gastronomici, bellezze naturali e salvaguardia dell'ambiente.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (PT) Scheda del comune dall'IBGE - Censimento 2010, cod.ibge.gov.br. URL consultato il 5 giugno 2015.
  2. ^ (PT) Cfr. la relativa scheda sul sito istituzionale di Caraá.
  3. ^ a b (PT) Cfr. la relativa scheda sul sito istituzionale di Caraá.
  4. ^ a b (PT) Cfr. la relativa scheda sul sito istituzionale di Caraá.
  5. ^ (PT) Cfr. "Festcana em Caraá espera mais de 10 Mil pessoas neste fim de semana", sul settimanale Folha Caraense del 19 ottobre 2010.
  6. ^ (PT) Cfr. "Pintores estão no santuário de Nossa Senhora das Lágrimas decorando o altar com cenas do milagre", sul settimanale Folha Caraense del 17 marzo 2003. (IT) Cfr. Luigi Cernuschi, "Mombrini - nuova grande opera in Brasile", sul mensile al taja e medega dell'aprile 2003, p. 5.
  7. ^ (PT) Cfr. "Festa do feijão mobiliza comunidade", sul settimanale Dimensão, n. 776, 4 marzo 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN128193812
Brasile Portale Brasile: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Brasile