Cappella di Santa Caterina (Legoli)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cappella di Santa Caterina
Peccioli, Legoli, Cappella Santa Caterina.jpg
Esterno
StatoItalia Italia
RegioneToscana Toscana
LocalitàLegoli, comune di Peccioli
ReligioneCattolica
Diocesi Volterra
Inizio costruzioneXV secolo
Completamento1822

Coordinate: 43°34′15.49″N 10°47′54.16″E / 43.57097°N 10.798377°E43.57097; 10.798377

La cappella di Santa Caterina si trova a Legoli, nel comune di Peccioli, in provincia di Pisa, diocesi di Volterra.

La struttura muraria[modifica | modifica wikitesto]

Sorto intorno al 1479 come tabernacolo, assunse l'aspetto di cappella dopo che, nel 1822, Alessio del Fanteria vi costruì attorno un piccolo oratorio a valenza funeraria, dedicato a santa Caterina.

Gli affreschi di Benozzo Gozzoli[modifica | modifica wikitesto]

Esecuzione e datazione dell'opera[modifica | modifica wikitesto]

Benozzo Gozzoli, coadiuvato da alcuni aiutanti, ne affrescò nel 1479-80 tutti e quattro i lati.

Proprio nell'estate del 1479, infatti, la peste, che stava imperversando in tutta la Toscana, giunse anche a Pisa, dove Benozzo soggiornava, rendendo la situazione critica. Da qui la decisione di trasferirsi con tutta la famiglia a Legoli: Benozzo scelse Legoli probabilmente per accordi precedentemente stipulati con questa comunità per la decorazione di questo monumentale tabernacolo.

Piano iconografico dell'opera[modifica | modifica wikitesto]

Negli estradossi dell'arco della facciata principale è raffigurata l'Annunciazione, mentre nella copertura si trovano gli Evangelisti e i Padri della Chiesa, con al centro il Cristo benedicente, che introducono il soggetto principale della parete di fondo, una Sacra Conversazione con tre angeli reggicortina; nella parete destra è il Cristo portacroce su uno sfondo di città; gli altri due lati presentano internamente a nord il Martirio di San Sebastiano, a sinistra la Crocifissione con la Vergine e i Santi Francesco, Domenico, Giovanni Evangelista e, nei pilastri, San Michele Arcangelo e l'Incredulità di San Tommaso.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A. Padoa Rizzo, Benozzo Gozzoli, Cinisello Balsamo (Mi), Silvana Editoriale, 2003, pp. 202 – 205.
  • A. Padoa Rizzo, Benozzo Gozzoli in Toscana, Firenze, Octavo, 1997, pp. 98 – 100.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]