Capo di stato maggiore dell'Arma dei Carabinieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il capo di stato maggiore del Comando generale dell'Arma dei Carabinieri è il principale consulente e collaboratore del comandante generale dell'Arma, dal quale dipende direttamente. A differenza delle altre forze armate italiane non ne è il vertice, ma il capo del suo staff.

Responsabile dello stato maggiore dell'Arma, ne coordina le attività, che illustra al comandante. Ha alle sue dirette dipendenze le direzioni di sanità e di amministrazione, il reparto autonomo e il capo servizio assistenza spirituale. Ha almeno il grado di generale di divisione.

È coadiuvato nelle sue funzioni dal sottocapo di stato maggiore.

Capi di stato maggiore dell'Arma dei Carabinieri[modifica | modifica wikitesto]

  1. Veggi Emanuele, Luogoten. Col. e Col., 29 ottobre 1861 - 7 settembre 1870;
  2. Figini Stefano, Magg. e Ten. Col., 22 settembre 1870 - 13 febbraio 1876;
  3. Avogadro di Vigliano Augusto, Ten. Col., 14 febbraio 1876 - 26 giugno 1878;
  4. Castellani Ludovico, Ten. Col., 27 giugno 1878 - 26 dicembre 1881;
  5. Bertani Giuseppe, Ten. Col., 27 dicembre 1881 - 22 aprile 1883;
  6. Curci Giovanni, Magg. e Ten. Col., 23 aprile 1883 - 12 ottobre 1885;
  7. Putzolu Nicolò, Ten. Col., 13 ottobre 1885 - 20 luglio 1891;
  8. Grossardi Gian Carlo, Ten. Col., 23 luglio 1891 - 23 luglio 1892;
  9. Cantono Enrico, Magg., Ten. Col. e Col., 24 luglio 1892 14 febbraio 1900;
  10. Tanzi Gaetano, Ten. Col., 22 febbraio 1900 - 16 gennaio 1902;
  11. Cauvin Luigi, Magg., Ten. Col. e Col., 25 gennaio 1902 5 settembre 1913;
  12. Abrile Raffaele, Col. e Magg. Gen., 6 settembre 1913 - 25 ottobre 1919;
  13. Tinozzi Romolo, Ten. Col. e Col., 26 ottobre 1919 - 11 febbraio 1925;
  14. Lazari Pio, Col., 12 febbraio 1925 - 23 novembre 1931;
  15. Crispino Agostinucci, Col., 24 novembre 1931 - 15 maggio 1935;
  16. Antonio Marotta, Col., 16 maggio 1935 - 8 settembre 1937;
  17. Casimiro Delfini, Ten. Col. e Col., 15 novembre 1937 - 11 ottobre 1940;
  18. Ulderico Barengo, Col., 12 ottobre 1940 - 19 luglio 1943;
  19. Dino Tabellini, Col., 20 luglio 1943 - 10 settembre 1943;
  20. Romano Dalla Chiesa, Col., 15 novembre 1943 - 6 giugno 1945;
  21. Polani Ezio, Col., 7 giugno 1945 - 4 dicembre 1945;
  22. Sacchi Mario, Col., 5 dicembre 1945 - 9 giugno 1952;
  23. Anedda Efisio, Col. e Gen. B., 1º luglio 1952 - 20 giugno 1954;
  24. Assuma Cosimo, Col. e Gen. B., 21 giugno 1954 - 30 giugno 1956;
  25. Pontani Francesco, Col. e Gen. B., 1º luglio 1956 - 30 giugno 1961;
  26. Verri Pietro, Col. e Gen. B., 1º settembre 1961 - 31 agosto 1963;
  27. Picchiotti Franco, Col. e Gen. B., 1º settembre 1963 - 31 luglio 1965;
  28. De Iulio Mario, Col., 1º ottobre 1965 - 31 ottobre 1967;
  29. Ferrara Arnaldo, Col., Gen. B. e Gen. D., 1º novembre 1967 -26 luglio 1977;
  30. De Sena Mario, Gen. B. e Gen. D., 6 agosto 1977 - 5 maggio 1982;
  31. Richero Giuseppe, Gen. B., 6 maggio 1982 - 8 settembre 1985;
  32. Cucci Mario, Gen. B e Gen. D., 9 settembre 1985 - 8 luglio 1987;
  33. Giuseppe Tavormina, Gen. B., 9 luglio 1987 - Il giugno 1989;
  34. Oresta Vincenzo, Gen. B., 12 giugno 1989 - 17 luglio 1990;
  35. Pisani Domenico, Gen. B., 18 luglio 1990 - 27 febbraio 1994;
  36. Vannucchi Alessandro, Gen. D., 28 febbraio 1994 - 8 giugno 1995;
  37. Giorgio Cancellieri, Gen. D., 9 giugno 1995 - 31 agosto 1997;
  38. Nunzella Mario, Gen. D., 1º settembre 1997 - 28 febbraio 2000;
  39. Venditti Alfonso, Gen. D., 1º marzo 2000 - 25 luglio 2002;
  40. Giorgio Piccirillo, Gen. D., 26 luglio 2002 - 5 agosto 2004;
  41. Elio Toscano, Gen. D. e Gen. C.A., 6 agosto 2004 - 4 settembre 2006;
  42. Leonardo Gallitelli, Gen. C.A., 4 settembre 2006 - 22 luglio 2009;
  43. Arturo Esposito, Gen. D. e Gen. C.A, 22 luglio 2009 - 17 giugno 2012;
  44. Antonio Ricciardi, Gen. D., 18 giugno 2012 - 3 luglio 2012 in s.v.;
  45. Ilio Ciceri, Gen. D. e Gen.C.A., 4 luglio 2012 - 18 luglio 2016
  46. Gaetano Maruccia, Gen.C.A., 18 luglio 2016 - 13 giugno 2018
  47. Enzo Bernardini in s.v., Gen.D., 13 giugno 2018 - 6 settembre 2018;
  48. Teo Luzi, Gen.D., 6 settembre 2018

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]