Capo dell'Apostolo Andrea (Cipro)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Capo dell'Apostolo Andrea
Capo dell'Apostolo Andrea
Capo dell'Apostolo Andrea
Stato Cipro del Nord Cipro del Nord
Coordinate 35°41′42″N 34°35′12″E / 35.695°N 34.586667°E35.695; 34.586667Coordinate: 35°41′42″N 34°35′12″E / 35.695°N 34.586667°E35.695; 34.586667
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Cipro del Nord
Capo dell'Apostolo Andrea
Capo dell'Apostolo Andrea

Il Capo dell'Apostolo Andrea (in greco: Ακρωτήριο Αποστόλου Ανδρέα, in turco Zafer Burnu, "Capo della Vittoria") si trova all'estremità nord-orientale dell'isola di Cipro. Attualmente è sotto il controllo della Repubblica turca di Cipro del Nord (stato autoproclamato e riconosciuto solo dalla Turchia). Amministrativamente fa parte del comune di Dipkarpaz e del distretto di İskele. Il Capo, raggiungibile con difficoltà da veicoli normali a causa dello stato pessimo degli ultimi 3 km della strada proveniente da Dipkarpaz, ospita una piccola stazione della polizia turco cipriota,[1] occupata 24 ore su 24.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Il capo costituisce la punta orientale della penisola di Karpas. Ad alcune centinaia di metri a est del capo si trovano gli isolotti Klidés.[1] La città di Latakia, in Siria, si trova a circa 109 km a est del promontorio ed è separata da questo dal Mar di Levante. Nelle giornate limpide è possibile osservare la costa turca (Mardin e l'Hatay), e le montagne della Siria.

A 8 km dal capo dell'Apostolo Andrea si trova la più grande spiaggia dell'isola, Altın Kum ("spiaggia d'oro" in turco), chiamata Ναγκομί (pr. "Nankomí") in greco.[2]

La zona del capo è frequentata da gabbiani, ormai rari altrove sull'isola, ed è uno dei migliori posti sull'isola per il birdwatching.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La collina subito a ovest del capo ospita le rovine del villaggio fortificato di Kastro.[1] I ritrovamenti archeologici sul posto partono dal VII millennio a.C..[1] Al capo si arrestò nel 1192 la fuga dell'usurpatore Isacco Comneno, che li' venne fatto prigioniero dai crociati di Riccardo Cuor di Leone.[1]

A 4 km a sud-ovest del promontorio si trova il Monastero dell'Apostolo Andrea, meta di pellegrinaggi dopo un miracolo accaduto nel 1912.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Braun, p. 418.
  2. ^ Braun, p. 416.
  3. ^ Braun, p. 417.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Ralph-Raymond Braun, Zypern, 5ª ed., Erlangen, Michael Müller Verlag, 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Cipro Portale Cipro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cipro