Capo Seattle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Non c'è luogo tranquillo nelle città dell'uomo bianco. Nessun luogo per ascoltare l'aprirsi delle foglie in primavera o il fruscio delle ali di un insetto. »
(Capo Seattle[1])
Capo Seattle

Capo Seattle noto anche come Sealth, Seathl o See-ahth[2] (Blake Island, 1780 circa – Port Madison, 7 giugno 1866) è stato un condottiero nativo americano. È stato il capo delle tribù Duwamish e Suquamish.

La lettera al Presidente degli Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

È rimasta celebre la lettera che scrisse nel 1854 al Presidente degli Stati Uniti Franklin Pierce, da lui chiamato "Gran Capo di Washington". In essa egli espresse il proprio timore riguardo l'intenzione del governo americano di acquistare il territorio dove era stanziata la sua tribù, nella zona dell'odierna Seattle. La lettera così si conclude:

« Insegnate ai vostri figli quello che noi abbiamo insegnato ai nostri: la terra è la madre di tutti noi. Tutto ciò che di buono arriva dalla terra arriva anche ai figli della terra. Se gli uomini sputano sulla terra, sputano su se stessi. Noi almeno sappiamo questo: la terra non appartiene all'uomo, bensì è l'uomo che appartiene alla terra. Questo noi lo sappiamo. Tutte le cose sono legate fra loro come il sangue che unisce i membri della stessa famiglia. Tutte le cose sono legate fra loro. Tutto ciò che si fa per la terra lo si fa per i suoi figli. Non è l'uomo che ha tessuto le trame della vita: egli ne è soltanto un filo. Tutto ciò che egli fa alla trama lo fa a se stesso. C'è una cosa che noi sappiamo e che forse l'uomo bianco scoprirà presto: il nostro Dio è lo stesso vostro Dio. Voi forse pensate che adesso lo possedete come volete possedere le nostre terre ma non lo potete. Egli è il Dio dell'uomo e la sua pietà è uguale per tutti: tanto per l'uomo bianco quanto per l'uomo rosso. Questa terra per lui è preziosa. Dov'è finito il bosco? È scomparso. Dov'è finita l'aquila? È scomparsa. È la fine della vita e l'inizio della sopravvivenza »

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Una foto ritraente la figlia primogenita, conosciuta come la Principessa Angelina

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Risposta del Capo Indiano Seattle al Presidente degli Stati Uniti Franklin Pierce - 1852
  2. ^ Seattle è in realtà un'anglicizzazione di Sealth, suo vero nome

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN22184774 · LCCN: (ENn84140976 · ISNI: (EN0000 0001 0598 086X · GND: (DE108744051 · BNF: (FRcb12181293w (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie