Capo Gelidonya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Capo Gelidonya
Gelidonya Burnu - Taşlık Burnu
Gelidonya lighthouse.jpg
Faro di Gelidonya
CiviltàFenicia
UtilizzoNave mercantile
Epoca1200 a.C.
Localizzazione
StatoTurchia Turchia
DistrettoFinike
Scavi
Data scoperta1954
Date scavi1960 inizio scavi
ArcheologoPeter Throckmorton
George F. Bass
Frédéric Dumas
Mappa di localizzazione

Coordinate: 36°38′10″N 30°33′26″E / 36.636111°N 30.557222°E36.636111; 30.557222

Capo Gelidonya (in lingua turca Gelidonya Burnu o Taşlık Burnu) è un promontorio della penisola di Teke, in Anatolia (Turchia), che separa la baia di Finike a ovest, dal golfo di Antalya a est. In questo luogo venne rinvenuto il relitto di una nave mercantile fenicia risalente a 1200 a.C. ca., situato a circa 27 m di profondità sull'irregolare fondale roccioso. Venne individuato nel 1954, e lo scavo, eseguito da Peter Throckmorton, George F. Bass e Frédéric Dumas, iniziò nel 1960 . Tra i ritrovamenti si possono osservare ceramiche micenee e lingotti di rame e stagno.

Archeologia Portale Archeologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Archeologia