Capleton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Capleton
Capleton.JPG
Capleton al "Bob Marley Birthday Bash 2K6"
NazionalitàGiamaica Giamaica
GenereHardcore ragga
Raggamuffin hip hop
Roots reggae
Ragga pop
Periodo di attività musicaleanni 1980 – in attività
Album pubblicati14
Sito ufficiale

Clifton George Bailey III meglio conosciuto con gli pseudonimi di Capleton, The King of Fire o Il Profeta (Islington, St. Mary, Giamaica, 13 aprile 1967) è un cantante giamaicano.

Inizia a frequentare l'ambiente dei sound system all'età di 12 anni ispirato dalla musica di Bob Marley e dal dancehall-style di DJ Papa San. All'età di 18 anni si trasferisce a Kingston nella speranza di far carriera nel mondo della musica. A Kingston inizia collaborando con alcuni soundsystem minori fino ad approdare all'etichetta African Star di Steward Brown con sede a Toronto in Canada. Capleton è un seguace del Rastafarianesimo, tematica che affiora spesso nei testi delle sue canzoni[1], ed è inoltre un rigoroso vegano.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Il cantante, nel corso della sua carriera, si è spesso trovato al centro di accese polemiche, legate al contenuto dei suoi testi, generalmente ritenuti eterosessisti e proni all'istigazione dell'omofobia (sebbene, nella sua natía Giamaica, l'omosessualità risulti ancora una pratica illegale)[2]. Il suo manager ha sovente difeso la sua opera, asserendo come i suoi critici abbiano semplicemente malinterpretato il significato delle sue canzoni, e lo stesso Capleton, pur ammetendo di trovare l'omosessualità intrinsecamente sbagliata (dato le sue convinzioni religiose), ha negato ogni intento omofobo, affermando che termini ricorrenti nelle sue canzoni, come "fuoco" e "brucia", vadano visti come metafore per "purificazione" e, più in generale, pulizia e non interpretati letteralmente come «uscire fuori e bruciare ed uccidere persone»[3].

Nel 2007, il cantante acconsentí, assieme ad altri musicisti del panorama reggae, a sottoscrivere il Reggae Compassionate Act (RCA)[4][5], iniziativa legata alla campagna Stop Murder Music, volta a combattere l'omofobia e la glorificazione di omicidi ed altri tipi di violenze ai danni della comunità LGBT raffigurati nei testi reggae[6][7][8]. Cionnonostante, Capleton ha continuato a suonare canzoni che, secondo alcuni, violerebbero i termini dell'iniziativa, motivo per cui due suoi concerti, uno in Svizzera nel 2008 ed un altro negli Stati Uniti nel 2010, vennero annullati[9][10].

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lotion Man - 1991
  • Alms House - 1993
  • Good So - 1994
  • Prophecy - 1995
  • I-Testament - 1997
  • One Mission (compilation) - 1999
  • More Fire - 2000
  • Still Blazin' - 2002
  • Voice of Jamaica - 2003
  • Praises To The King - 2003
  • The People Dem - 2004
  • Reign of Fire - 2004
  • Free Up - 2006
  • Hit wit da 44 rounds - 2007
  • Bun Friend - 2008
  • Liberation Time (Azad feat. Capleton) - 2009
  • I-Ternal Fire - 2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Park, Esther. Bob Marley Movement Caribbean Festival 2010: Interview With Capleton. Miami New Times. 25 February 2010.
  2. ^ "Gay in JA: What's it like to be gay in a society where it's illegal to practice your sexuality?", BBC. First aired 2008, updated Tuesday 16 June 2009. (Only regionally available)
  3. ^ Savage, Shannon (6 October 2004)"Dancehall music silenced" Archiviato il 1º January 2009 Data nell'URL non combaciante: 1º gennaio 2009 in Internet Archive., The Orion (student newspaper of CSU Chico) – Entertainment. Updated 11 May 2009.
  4. ^ LOGOonline.com: NewNowNext Blog: Reggae Stars Sign On To Cut Out Homophobic Lyrics Archiviato il 14 July 2011 Data nell'URL non combaciante: 14 luglio 2011 in Internet Archive.
  5. ^ Reggae Stars Renounce Homophobia, Condemn Anti-gay Violence – Towleroad, More than gay news for more gay men
  6. ^ Silencing Jamaican musicians fuels censorship debate Archiviato il 1º dicembre 2012 in Internet Archive.
  7. ^ Pride and prejudice
  8. ^ Archive copy of "Can music incite murder?", The Black Music Council Site at the Internet Archive. Report Date:15 Dec 2004.
  9. ^ http://calcoastnews.com/2010/02/hate-singer-capleton-cancels-u-s-tour/
  10. ^ "Capleton Concert cancelled in Basel, Switzerland", Another Green World. Thursday, 6 November 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN265156803 · ISNI (EN0000 0000 5518 1145 · LCCN (ENno2002075654 · GND (DE134967674 · BNF (FRcb140101633 (data)