Canzoni d'amore (Francesco De Gregori)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Canzoni d'amore

Artista Francesco De Gregori
Tipo album Studio
Pubblicazione 29 agosto 1992
Durata 54 min : 39 s
Dischi 1
Tracce 11
Genere Pop
Etichetta Columbia, 472215 1
Francesco De Gregori - cronologia
Album precedente
(1989)
Album successivo
(1993)

Canzoni d'amore è un album del 1992 di Francesco De Gregori. L'album, come annuncia il titolo, tratta il tema dell'amore: amore romantico e amore per la propria terra, l'Italia, in quell'anno scossa dallo scandalo di Tangentopoli e dalle stragi, a cui viene fatto riferimento in molti versi delle canzoni.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Bellamore (Testo e musica di Francesco De Gregori)
  2. Sangue su sangue (Testo e musica di Francesco De Gregori)
  3. Viaggi & miraggi (Testo e musica di Francesco De Gregori)
  4. Chi ruba nei supermercati? (Testo e musica di Francesco De Gregori)
  5. Tutto più chiaro che qui (Testo e musica di Francesco De Gregori)
  6. Stella della strada (Testo e musica di Francesco De Gregori)
  7. Vecchi amici (Testo e musica di Francesco De Gregori)
  8. Povero me (Testo di Francesco De Gregori; Musica di Mimmo Locasciulli e Francesco De Gregori)
  9. La ballata dell'Uomo Ragno (Testo e musica di Francesco De Gregori)
  10. Adelante! Adelante! (Testo e musica di Francesco De Gregori)
  11. Rumore di niente (Testo e musica di Francesco De Gregori)

Temi trattati[modifica | modifica sorgente]

  • Tutto più chiaro che qui è dedicata al padre del cantautore.
  • La ballata dell'Uomo Ragno è una dura critica a Bettino Craxi, a cui alludono i versi: "È solo il capobanda ma sembra un faraone" e "Si atteggia a Mitterrand ma è peggio di Nerone". Anni dopo, in una intervista a All Music del 2006, De Gregori dichiarerà: "Se ripenso a Craxi, credo che intellettualmente sia molto superiore a tanti politici di oggi".

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]