Canzoni contro la natura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Canzoni contro la natura
ArtistaZen Circus
Tipo albumStudio
Pubblicazione21 gennaio 2014
Durata40:31
Dischi1
Tracce10
GenerePunk rock
Indie rock
Folk rock
EtichettaLa Tempesta Dischi
ProduttoreZen Circus
FormatiCD, LP, digitale
Zen Circus - cronologia
Album precedente
(2011)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
OndaRock[1] 7/10 stelle
Rockol[2] 3.5/5 stelle
SentireAscoltare[3] 7/10 stelle
Storia della musica[4] 7/10 stelle

Canzoni contro la natura è l'ottavo album discografico del gruppo musicale punk rock Zen Circus, in uscita il 21 gennaio 2014 per La Tempesta Dischi e distribuito da Master Music Piacenza.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Il disco è stato annunciato nell'ottobre 2013 tramite un post pubblicato su Facebook.[5] Il 26 novembre seguente è stato diffuso su YouTube un teaser trailer attraverso cui il terzetto pisano comunica anche le prime date del tour.[6] Si tratta del terzo album totalmente in lingua italiana per la band, dopo Andate tutti affanculo (2009) e Nati per subire (2011). Il disco è uscito dopo un anno sabbatico per la band, i cui componenti hanno tenuto banco con i progetti solisti (Appino e La notte dei lunghi coltelli) ed hanno calcato i palchi di tutta Italia.

La produzione del disco è stata effettuata dagli stessi componenti del gruppo, senza l'ausilio di un vero produttore discografico e senza nessun fonico. Questa è stata una scelta degli Zen Circus, che sottolineano anche la volontà di "inscatolare nella maniera più fedele possibile l'energia e la naturalezza che si respirano a pieni polmoni" nei live e che raramente hanno "ritrovato" nei dischi.[7].

Nella title-track Canzone contro la natura trova posto un "cameo" del poeta Giuseppe Ungaretti: viene infatti proposto un passaggio dell'intervista concessa nel 1965 a Pier Paolo Pasolini per il film-documentario Comizi d'amore, in cui il poeta afferma: "...tutti gli uomini sono, in un certo senso, in contrasto con la natura". Il brano Postumia si riferisce alla via Postumia.

Il primo singolo estratto dall'album è il brano Viva, pubblicato il 16 dicembre 2013. Il videoclip del brano è stato realizzato dal collettivo Sterven Jonger con oltre cento vecchie fotografie che ritraggono gli Zen a partire dalla loro infanzia.[8]

Il 14 gennaio seguente viene pubblicato il secondo singolo Postumia, senza video.[9]

Il terzo singolo e secondo video è Canzone contro la natura, pubblicato il 3 marzo 2014.[10]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda la promozione, l'album, è stato presentato il 20 gennaio 2014 presso la Feltrinelli di Bologna e nei giorni seguenti presso quelle di altre importanti città italiane (Milano, Torino, Firenze, Roma e Genova).

A partire dal marzo 2014 il gruppo intraprende un tour.[11]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Il disco è entrato in classifica FIMI raggiungendo la posizione numero 9.[12]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi di Andrea Appino, musiche di Andrea Appino, Karim Qqru, Massimiliano Schiavelli.

  1. Viva – 3:36
  2. Postumia – 3:30
  3. Canzoni contro la natura – 5:36
  4. Vai vai vai! – 2:32
  5. Albero di tiglio – 7:12
  6. L'anarchico e il generale – 2:52
  7. Mi sono ritrovato vivo – 3:14
  8. Dalì – 3:48
  9. No Way – 4:16
  10. Sestri Levante – 3:52

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Andrea Appino - voce, chitarra
  • Ufo (Massimiliano Schiavelli) - basso, cori
  • Karim Qqru - batteria, percussioni, cori

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]