Canzone viola/Fiorentina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Canzone viola/Fiorentina
Violantino-Inno-Fiorentina.jpg
Il volantino con il testo de La canzone viola
ArtistaNarciso Parigi
Tipo albumSingolo
Pubblicazione1959
Durata1:43
GenerePop
EtichettaPathé, AQ 1104
FormatiVinile
Narciso Parigi - cronologia

Canzone viola/Fiorentina è un 45 giri di Narciso Parigi.

Canzone viola[modifica | modifica wikitesto]

La Canzone viola (conosciuta anche come O Fiorentina o Inno viola) è una canzone del 22 novembre 1931, il cui testo originale va ascritto ad Enzo Marcacci, su una composizione musicale del maestro Marco Vinicio; la canzone fu pubblicata per la prima volta dall'editore Marcello Manni che ne divenne proprietario dei diritti.[1]

I primi tifosi della Fiorentina, riuniti nell'"ordine del Marzocco", una sorta di viola club ante-litteram, fecero stampare un volantino con il testo di questa canzone, distribuendolo al pubblico dello stadio in Via Bellini, per farlo cantare a tutti i tifosi.[2] Divenne così, dal 1931, l'inno della Fiorentina.

La canzone venne incisa da Narciso Parigi nel 1959 e di nuovo nel 1965; quest'ultima versione sostituì l'edizione originale come inno della Fiorentina. Successivamente lo stesso Narciso Parigi acquisì la titolarità dei diritti.

Curiosamente il coro che accompagna l'inno nella sua versione originale è cantato da giocatori dell'Inter (fra i quali il tifoso viola Pandolfini), raccolti da Narciso Parigi al momento dell'incisione avvenuta in uno studio di Milano.

Fiorentina[modifica | modifica wikitesto]

Sul lato B del vinile si trova un'altra canzone dedicata alla squadra viola, Fiorentina (nella ristampa del 1965 intitolata invece "Alé alé Fiorentina") di Alfonso Corsini, Mario Gallerini e Giobatta Dolcino.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L’ ordine del Marzocco: L'inno compie 80 anni, su dodicesimouomo.net.
  2. ^ L'inno, FiorentinaMuseo.it. URL consultato il 21 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il 5 maggio 2010).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]