Canzone d'arte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La battuta cinque della canzone d'arte di Schubert intitolata Nacht und Träume. La parte vocale, comprese le note della melodia e il testo, è nel pentagramma superiore. I due pentagrammi sottostanti sono la parte del piano.

Una canzone d'arte è una composizione musicale vocale, di solito scritta per una voce con accompagnamento di pianoforte, e di solito nella tradizione della musica classica. Per estensione il termine canzone d'arte viene utilizzato per indicare il genere collettivo di tali canzoni (ad esempio, il "repertorio delle canzoni d'arte").[1] Una canzone d'arte è spesso un'ambientazione musicale basata su un poema o un testo indipendente,[1] "destinato al repertorio di concerto"[2] "come parte di un recital o di un'altra occasione sociale relativamente ufficiale".[3] Mentre molti brani di musica vocale sono facilmente riconoscibili come canzoni d'arte, altri sono più difficili da classificare. Ad esempio, un brano vocale senza parole scritto da un compositore classico è talvolta considerato una canzone d'arte[1] e talvolta no.[4]

Panoramica[modifica | modifica wikitesto]

Altri fattori aiutano a definire le canzoni d'arte:

  • Le canzoni che fanno parte di un'opera teatrale (come un'aria di un'opera o una canzone di un musical) di solito non sono considerate canzoni d'arte.[5] D'altra parte alcune arie barocche che "appaiono con grande frequenza nell'esecuzione di un recital"[5] sono ora comprese nel repertorio delle canzoni d'arte.
  • Le canzoni con altri strumenti oltre il piano (ad esempio il violoncello e il piano) e/o altri cantanti vengono definiti "musica da camera vocale" e di solito non sono considerati canzoni d'arte.[6]
  • Le canzoni originariamente scritte per voce e orchestra sono chiamate canzoni orchestrali e di solito non sono considerate canzoni d'arte, a meno che la loro versione originale non fosse per voce solista e pianoforte.[7] Le canzoni folk e le canzoni tradizionali non sono generalmente considerate canzoni d'arte, a meno che non siano arrangiamenti di concerti in stile musica d'arte con accompagnamento di pianoforte scritto da uno specifico compositore.[8] Alcuni esempi di queste canzoni includono i due volumi di Old American Songs di Aaron Copland, gli arrangiamenti di Folksong di Benjamin Britten[9] e Siete canciones populares españolas (Sette canzoni popolari spagnole) di Manuel de Falla.
  • Non vi è assolutamente accordo per quanto riguarda le canzoni sacre. Molti adattamenti di canzoni di testi biblici o sacri furono composti per la piattaforma concertistica e non per i servizi religiosi; queste sono largamente conosciute come canzoni d'arte (ad esempio, la Vier ernste Gesänge di Johannes Brahms). Altre canzoni sacre possono o meno essere considerate canzoni d'arte.[10]
  • Un gruppo di canzoni d'arte composte per essere eseguite in un gruppo per formare un insieme narrativo o drammatico è chiamato un ciclo di canzoni.

Lingue e nazionalità[modifica | modifica wikitesto]

Una registrazione del tenore inglese Helge Rosvaenge e Gerald Moore, Pianoforte, che eseguono Der Feuerreiter.

Le canzoni d'arte sono state composte in molte lingue e sono conosciute con diversi nomi. La tradizione tedesca della composizione delle canzoni d'arte è forse la più importante; è nota come Lieder. In Francia, il termine mélodie distingue le canzoni d'arte da altri brani vocali francesi chiamati chansons. La spagnola canción e l'italiana canzone si riferiscono a canzoni in generale e non specificamente a canzoni d'arte.

Forma[modifica | modifica wikitesto]

Il linguaggio musicale del compositore e l'interpretazione del testo spesso dettano il progetto formale di una canzone d'arte. Se tutti i versi della poesia sono cantati con la stessa musica, la canzone è strofica. Gli arrangiamenti di canzoni popolari sono spesso strofici[1] e "ci sono casi eccezionali in cui la ripetizione musicale offre una drammatica ironia per il testo che cambia, o dove si desidera una monotonia quasi ipnotica".[1] Molte delle canzoni di Die schöne Müllerin di Schubert ne sono un buon esempio. Se la melodia vocale rimane la stessa ma cambia l'accompagnamento che la sottende per ciascun verso, il brano viene chiamato brano "strofico modificato". Al contrario, le canzoni in cui "ogni sezione del testo ha una musica nuova"[1] sono chiamate interamente composite. La maggior parte delle opere composite ha una certa ripetizione di materiale musicale. Molte canzoni d'arte usano una versione della forma tripartita ABA (nota anche come "forma della canzone" o "forma ternaria"), con una sezione musicale iniziale, una sezione centrale contrastante e un ritorno alla musica della prima sezione. In alcuni casi, nel ritorno alla musica della prima sezione, il compositore può apportare lievi modifiche.

Spettacoli e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

L'esecuzione delle canzoni d'arte nei recital richiede abilità speciali sia per il cantante che per il pianista. Il grado di intimità "raramente eguagliato in altri tipi di musica"[1] richiede che i due artisti "comunichino al pubblico le emozioni più sottili ed evanescenti espresse nel testo e nella musica".[1] I due interpreti devono concordare tutti gli aspetti della performance per creare una collaborazione unificata, rendendo l'esecuzione della canzone d'arte uno dei "modelli più sensibili di collaborazione".[1] Inoltre il pianista deve essere in grado di abbinare strettamente lo stato d'animo e il carattere espresso dal cantante. Anche se i cantanti classici generalmente intraprendono carriere di successo come solisti alla ricerca di ingaggi nella lirica, alcuni dei cantanti più importanti di oggi hanno costruito le loro carriere principalmente cantando canzoni d'arte, tra questi Dietrich Fischer-Dieskau, Thomas Quasthoff, Ian Bostridge, Matthias Goerne, Wolfgang Holzmair, Susan Graham ed Elly Ameling. Anche i pianisti si sono specializzati nel suonare canzoni d'arte con grandi cantanti. Gerald Moore, Geoffrey Parsons, Graham Johnson, Dalton Baldwin, Hartmut Höll e Martin Katz sono sei pianisti del genere specializzati nell'accompagnamento dell'esecuzione di canzoni d'arte. Le parti per il pianoforte nelle canzoni d'arte possono essere così complesse che la parte del piano non è in realtà una parte di accompagnamento subordinata; il pianista di canzoni d'arte impegnative è più un partner paritario del cantante solista. In quanto tale, alcuni pianisti specializzati in recital di canzoni d'arte con cantanti si definiscono "pianisti collaborativi", piuttosto che accompagnatori.

Compositori[modifica | modifica wikitesto]

Britannici[modifica | modifica wikitesto]

Americani[modifica | modifica wikitesto]

Austriaci e tedeschi[modifica | modifica wikitesto]

Francesi[modifica | modifica wikitesto]

Rumeni[modifica | modifica wikitesto]

Spagnoli[modifica | modifica wikitesto]

XIX secolo:

XX secolo:

Latino-americani[modifica | modifica wikitesto]

In spagnolo:

In portoghese (tutti brasiliani):

Italiani[modifica | modifica wikitesto]

Europei orientali[modifica | modifica wikitesto]

Nordici[modifica | modifica wikitesto]

Russi[modifica | modifica wikitesto]

Ucraini[modifica | modifica wikitesto]

Asiatici[modifica | modifica wikitesto]

Afrikaans[modifica | modifica wikitesto]

Arabi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i Meister, An Introduction to the Art Song, pp. 11–17.
  2. ^ Art Song, Grove Online
  3. ^ Randel, Harvard Dictionary of Music, p. 61
  4. ^ Kimball, Introduction, p. xiii
  5. ^ a b Kimball, p. xiv
  6. ^ Meister calls it "a variety of art song" (p. 13); Kimball does not include these works in her study of art songs.(p. xiv)
  7. ^ Meister, p. 14, and Kimball, p. xiv
  8. ^ Meister refers to them as a "hybrid medium", p. 14
  9. ^ Benjamin Britten, Complete Folksong Arrangements (61 Songs), edited by Richard Walters, Boosey & Hawkes #M051933747, ISBN 1423421566
  10. ^ Neither Meister nor Kimball mention sacred songs generally, but both discuss the Brahms songs and selected other works in their books on art song.
  11. ^ a b c Composers – Ukrainian Art Song Project Archiviato il 16 aprile 2015 in Internet Archive.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Draayer, Suzanne (2009), Art Song Composers of Spain: An Encyclopedia, Lanham, Maryland: Scarecrow Press, ISBN 978-0-8108-6362-0
  • Draayer, Suzanne (2003), A Singer's Guide to the Songs of Joaquín Rodrigo, Lanham, Maryland: Scarecrow Press, ISBN 978-0-8108-4827-6
  • Carol Kimball, Song: A Guide to Art Song Style and Literature, revised edition, Milwaukee, Wisconsin, Hal Leonard, 2005, ISBN 978-1-4234-1280-9.
  • Barbara Meister, An Introduction to the Art Song, New York, New York, Taplinger, 1980, ISBN 0-8008-8032-3.
  • Don Michael Randel, The Harvard Dictionary of Music, Harvard University Press, 2003, p. 61, ISBN 0-674-01163-5. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  • Victoria Etnier Villamil, A Singer's Guide to the American Art Song, 2004 paperback, Lanham, Maryland, Scarecrow Press, 1993, ISBN 0-8108-5217-9.

Approfondimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Shirlee, and Stanley Sonntag Emmons, The Art of the Song Recital, paperback, New York, Schirmer Books, 1979, ISBN 0-02-870530-0.
  • James Husst Hall, The Art Song, Norman, Oklahoma, University of Oklahoma Press, 1953.
  • Donald Ivey, Song: Anatomy, Imagery, and Styles, New York, The Free Press, 1970, ISBN 0-8108-5217-9.
  • Soumagnac, Myriam (1997). "La Mélodie italienne au début du XXe siècle", in Festschrift volume, Échoes de France et d'Ialie: liber amicorum Yves Gérard (jointly ed. by Marie-Claire Mussat, Jean Mongrédien & Jean-Michel Nectoux). Buchet-Chastel. p. 381–386.
  • Wolfgang Walter, Lied-Bibliographie (Song Bibliography): Reference to Literature on the Art Song, Frankfurt am Main, Peter Lang, 2005, ISBN 0-8204-7319-7.
  • Kenneth Whitton, Lieder: An Introduction to German Song, London, Julia MacRae, 1984, ISBN 0-531-09759-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica