Cantieri Culturali della Zisa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

I Cantieri Culturali alla Zisa (ex Officine Ducrot) sono un'ex area industriale di Palermo.

Cantieri Culturali della Zisa di Palermo, ingresso da via Gili

Insieme all'ex Chimica Arenella sono i due esempi principali di archeologia industriale presenti a Palermo. La struttura venne costruita per ospitare le officine Ducrot e lo Studio Ducrot e comprende 23 capannoni. Grande l'importanza storica ed economica di quest'area, dove tra la fine dell'Ottocento e la prima metà del Novecento furono realizzate opere in legno e metallo in stile liberty disegnate dell'architetto palermitano Ernesto Basile. Alcuni di questi mobili vennero utilizzati come arredi dei saloni delle navi da crociera della Florio e per gli arredi di Palazzo Montecitorio. Ospitarono anche l'Aeronautica Ducrot.

Cantieri Culturali della Zisa di Palermo padiglione ZAC, la sera

Oggi quest'area è utilizzata come spazio espositivo per eventi teatrali, musicali, cinematografici e iniziative culturali di ogni genere. L'area attualmente ospita la sede dell'Institut français de Palerme, il centro culturale tedesco Goethe-Institut, l'Istituto Gramsci Siciliano (con la relativa biblioteca)[1] e la sede palermitana della Scuola nazionale di cinema appartenente al Centro Sperimentale di Cinematografia. Dal 2004 nei padiglioni Galleria Bianca, Grande Vasca, sala Blu Cobalto, Spazio nuovo e Spazio Ducrot, ha sede l’ Accademia di Belle Arti di Palermo con i laboratori "storici" dei corsi di scultura, pittura, scenografia, progettazione della moda, design grafico, e gli innovativi corsi di Audio/video-multimedia e progettazione dei sistemi espositivi e museali.

Cantieri Culturali della Zisa di Palermo Cinema De Seta, targa ingresso padiglione 7

Dal 2012 è sede anche di ZAC_ Zisa Zona Arti Contemporanee, nonché del primo cinema pubblico siciliano – intitolato a Vittorio De Seta – e della Filmoteca regionale, dello Spazio Michele Perriera, dell'Associazione Ester Mazzoleni, oltreché sede di manifestazioni internazionali come il Sicilia Queer filmfest[2], Soleluna - Un ponte tra le culture[3], e dell'Efebo d'Oro.

Dal 5 marzo 2017 è sede del Centro Internazionale di fotografia diretto da Letizia Battaglia e, nel quadro del programma di Palermo Capitale italiana della Cultura[4], è stata inaugurata, presso il cinema De Seta, l'edizione palermitana di Manifesta[5]. Nel 2018 è stato inaugurato lo Spazio Franco, dedicato alla creazione multidisciplinare[6], si è svolta l'edizione annuale del Sabir Festival, dedicato alle culture mediterranee[7], ed è stato ospitato, inoltre, il Festival delle letterature migranti[8]. Nel 2019 è stato inaugurato uno spazio per la sezione regionale di Legambiente[9], ed è divenuta sede del MainOFF Festival dedicato alla musica elettronica e alle arti visive[10].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Istituto Gramsci
  2. ^ SICILIA QUEER 2017 INTERNATIONAL NEW VISIONS FILMFEST, su siciliaqueerfilmfest.it. URL consultato il 9 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2017).
  3. ^ solelunadoc.org, https://web.archive.org/web/20170510204512/http://solelunadoc.org/. URL consultato il 9 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 10 maggio 2017).
  4. ^ [1]
  5. ^ [2], PalermoToday.it, Manifesta 12 si svela ai Cantieri Culturali alla Zisa
  6. ^ [3], Balarm.it, Arte, teatro e creatività: nasce un nuovo spazio "Franco" per la cultura a Palermo
  7. ^ [4], palermo.repubblica.it, Festival Sabir, Palermo capitale della cultura dell'accoglienza
  8. ^ [5], festivaletteraturemigranti.it, PALERMO, EUROPA. IL FUTURO PASSA DAL MEDITERRANEO
  9. ^ [6], legambiente.it, Legambiente Sicilia arriva ai Cantieri culturali alla Zisa, 14, 15, 16 febbraio
  10. ^ [7] formeuniche.org, ALL YOU NEED IS NOISE. Il soundscape del MainOFF Festival a Palermo

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sito ufficiale, su cantiericulturaliallazisa.it. URL consultato il 28 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 23 maggio 2017).