Cannabiaca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Coordinate: 48°19′44.28″N 16°10′37.55″E / 48.328967°N 16.177097°E48.328967; 16.177097

Cannabiaca
Limes3.png
Tratto di limes danubiano dove sorgeva Cannabiaca
Periodo di attività forte ausiliario a partire dai Flavi, fino al V secolo;
a) forte in legno e terra
b-e) forte in pietra;
Località moderna Zeiselmauer
Unità presenti a) Insegne della
legio X Gemina e
legio II Italica,
b) coorte I Asturum?
c) coorte V Breucorium,
d) coorte II Thracum equitata pia fidelis [1]
e) limitanei/ripenses ?
Dimensioni castrum 150 × 135 m = ca. 2,2 ha
Provincia romana Noricum

Il forte Cannabiaca, faceva parte della catena di postazioni fortificate presenti sul limes del Danubio in Austria. Si trova a Zeiselmauer-Wolfpassing, in Bassa Austria e si tratta di uno dei forti ausiliari più studiati in Austria; fu usato sia da cavalleria che da fanteria.

È anche stato il luogo di nascita di Floriano di Lorch.

Nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome antico di questo forte non è sicuro. Ma data la sua posizione sul confine orientale della ex provincia romana del Norico è l'unico che concorda con la Notitia dignitatum e quindi è probabilmente Cannabiaca. Anche i ritrovamenti negli scavi sotto la piazza della chiesa di Zeiselmauer degli anni 1990 spingono verso il nome di Cannabiaca.

Il più antico documento, si tratta della Tabula Peutingeriana, che indica il nome Citium[2], è ora rifiutato. Questo posto era probabilmente solo una stazione di tappa del corriere imperiale (cursus publicus), vicino all'attuale Tulln.

Edward Polaschek aveva fatto risalire il nome Cannabiaca ad una cohors Canafatium o Cannefatium[3]. Poiché nella Tabula Peutingeriana c'è anche una località denominata Cannabaca, ha rivisto definitivamente la sua ipotesi di derivazione da una cohors Canafatium.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ILL PRO N 912; AE 1977, 603.
  2. ^ Tabula Peutingeriana, Segment V.
  3. ^ Eduard Polaschek: Tulln in römischer Zeit, in: Heimat-Kalender des Tullner Bezirkes, Tulln 1952, p. 116.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]