Cane da salvataggio in acqua

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Uno dei dipinti più noti di Edwin Landseer, raffigurante il salvataggio di una bambina da parte di un cane da riporto.

Con il nome cani salvataggio nautico si identificano le unità cinofile da salvataggio in acqua. Come unità cinofila si intende il binomio cane-conduttore. In Italia, questa branca della Protezione Civile nasce nel 1988 da un'idea di Ferruccio Pilenga che insieme al suo cane chiamato Mas[1] dà inizio alla associazione di volontariato che prenderà il nome di Scuola Italiana Cani Salvataggio. Dagli iniziali terranova e labrador "cani bagnino" per atavica vocazione si è riusciti nel corso degli anni a brevettare e rendere operativi centinaia di cani anche di altre razze, tra cui anche dei Pit Bull.

Razze canine maggiormente utilizzate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pilenga, Ferruccio. e Elcograf, Cles, tipografo trentino., Io sono Mas, Sperling & Kupfer, 2016, ISBN 978-88-200-6113-5, OCLC 982274604. URL consultato il 27 aprile 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]