Canale dei Petroli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il canale dei Petroli o canale Malamocco-Marghera venne costruito tra il 1961 e il 1969, costruzione resa necessaria dallo sviluppo del polo petrolchimico di Marghera. Il canale collega la bocca di porto di Malamocco con le raffinerie di Marghera, estromettendo il traffico delle petroliere dalle rotte che intersecano la città di Venezia. È largo nel primo tratto circa duecento metri e profondo fino a diciassette metri, anche se ne erano previsti circa quattordici e mezzo, mentre nel secondo tratto, dodici e mezzo.

Con i fanghi residui dall'escavo del canale dei Petroli, furono imboniti migliaia di ettari di laguna con l'intento di far sorgere una terza zona industriale nei pressi di Fusina. Nacquero così le Casse di colmata, il cui destino fu vanificato dall'alluvione che colpì Venezia nel 1966, e alla costruzione delle quali fu attribuita la colpa della catastrofe.

Impatto ambientale[modifica | modifica wikitesto]

Il canale è stato a lungo ed è tutt'oggi al centro di numerose controversie, soprattutto per gli effetti che esso apporta all'equilibrio lagunare per via della sua enorme sezione; infatti, con il suo innaturale scorrimento d'acqua, ha provocato un notevole innalzamento del livello di marea nelle nella Laguna Centrale, stimato in molte decine di centimetri. Di conseguenza, barene, canali e ghebi sono stati demoliti dalla forte energia della corrente, che da decenni, per due volte al giorno, spiana i margini dei canali, risucchiandone i sedimenti e travasando in mare, durante il riflusso, enormi quantità di materiale solido in sospensione, causando di fatto, uno svuotamento delle aree lagunari antistanti la Bocca di Malamocco e di una notevole parte di Laguna Centrale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luigi D’Alpaos, 5, in Fatti e Misfatti di Idraulica Lagunare. La Laguna di I Venezia dalla diversione dei fiumi alle nuove opere delle bocche di porto, Venezia, Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, 2010, ISBN 978-88-95996-21-9.1
Venezia Portale Venezia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Venezia