Canale Ozzeri-Rogio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Canale Ozzeri-Rogio
Canale Ozzeri presso Ripafratta (PI).JPG
L'ultimo tratto del canale Ozzeri presso Ripafratta, incluso tra la ferrovia Lucca-Pisa a sinistra e il fiume Serchio a destra.
StatoItalia Italia
Lunghezza13 km
Nascepiana di Lucca
Sfociafiume Serchio

Il canale Ozzeri-Rogio costituisce lo scolo principale della piana di Lucca.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Dal fosso Ozzoretto, che drena le acque di una parte della piana a est del fiume Serchio si originano l'Ozzeri ed il Rogio. L'Ozzeri si dirige verso ovest confluendo nel Serchio mentre il Rogio si dirige verso est confluendo nel canale Imperiale, immissario del lago di Bientina.

L'Ozzeri da Montuolo in poi passa quasi parallelo al fiume Serchio, fino a Rigoli dove, con un sistema di porte vinciane a protezione dalle piene del fiume, sfocia definitivamente nel fiume Serchio. In quel punto è presente anche una piccola centrale elettrica che sfrutta il salto di livello tra il canale e il fiume.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Scavato in età romana e ristrutturato nel VI secolo, in passato l'Ozzeri sfociava nel Serchio all'altezza di Cerasomma tramite delle cateratte ancora esistenti. Intorno al 1870 fu spostato lo sbocco a Rigoli per migliorare il deflusso delle acque in caso di piena del Serchio.[1]

Il 4 dicembre 2012, a seguito di un ingrossamento del canale, crollò il ponte antistante le porte vinciane di Rigoli portando alla morte di Francesco Gabbriellini che si era recato in quel punto per osservare la piena del canale.[2][3] Il ponte con le porte vinciane a protezione dal canale è stato successivamente ricostruito poco più a monte.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda 8 - CANALE OZZERI (PDF), su autorita.bacinoserchio.it.
  2. ^ Cronaca, in pisainformaflash.it, 7 dicembre 2012. URL consultato il 27 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 27 agosto 2018).
  3. ^ Tiziano Nizzoli, Serchio ed Ozzeri, fonti di vita e di preoccupazioni, su La Voce del Serchio, 26 luglio 2013. URL consultato il 21 marzo 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]