Campo della Memoria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Campo della Memoria
TipoMilitare
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàNettuno Nettuno
LuogoVia Rocca Priora - Traversa di Via dei Frati
Costruzione
Periodo costruzione1991 - 1993
Data apertura28 marzo 1993
Area3600 m²
IngegnereBruno Lazzarotto
Tombe famoseUmberto Bardelli Comandante Battaglione Barbarigo e Medaglia d'oro al valor militare della Repubblica Sociale Italiana alla memoria
NoteCimitero di guerra, è di proprietà del Ministero della Difesa.

[1]Il Campo della Memoria è un cimitero militare, dedicato ai marò del Battaglione "Barbarigo" e agli altri combattenti della Repubblica Sociale Italiana, caduti nel 1944 sul fronte dello sbarco di Anzio contro le forze alleate, come in generale sugli altri fronti nella seconda guerra mondiale. Il cimitero si trova nel territorio della città di Nettuno.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Costruito a partire dal 1991, fu inaugurato come sacrario militare il 28 marzo 1993. L'idea originaria fu di Alessandro Tognoloni, guardiamarina, Medaglia d'oro al valor militare della RSI, il cui intento era di raccogliere le spoglie dei caduti della Xª MAS.

Dal 1999, il Campo della Memoria è riconosciuto cimitero di guerra, inserito nelle cerimonie ufficiali di commemorazione dei caduti: in quell'anno, nel contesto delle celebrazioni del 55º anniversario dello sbarco alleato, i sindaci delle città di Nettuno e di Anzio si recarono al Campo per rendere omaggio ai caduti della Repubblica Sociale Italiana. Nel giugno dell'anno successivo furono portate al Campo le prime sette salme, di soldati ignoti della Xª MAS . Nel luglio 2004 furono eretti due blocchi con 42 loculi ciascuno, più un altare di pietra; sul frontone di ogni loculo fu scritto con incisione il nome di ogni caduto sepolto. Il 16 giugno 2005, al cimitero furono portati dal Verano le salme di sessantacinque militi, caduti sul fronte di Anzio come su altri fronti d'Italia, tra essi il capitano Umberto Bardelli, medaglia d'oro al valor militare della RSI. Il 22 gennaio 2007, una delegazione di ufficiali della marina britannica rese omaggio con una cerimonia ai caduti, mentre l'8 maggio 2009 fu la volta di cinquecento "Penne Nere" dell'Associazione Nazionale Alpini, che onorarono i caduti insieme con alcuni rappresentanti delle truppe da montagna spagnole; presenziò alla manifestazione, in occasione dell’82º Raduno Nazionale degli Alpini a Latina, un Picchetto militare della Brigata Alpina "Taurinense".[senza fonte][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Essenzialmente, il Campo della Memoria è formato da un grande prato verde con un altare in pietra, un sepolcro e, al centro, una Croce di Sant'Andrea, rappresentativa della fede cristiana e della Xª MAS. La croce è dedicata a tutti i combattenti della R.S.I caduti nel secondo conflitto mondiale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (IT) Associazione Campo della Memoria, Latina: gli Alpini al Campo della Memoria - Campo della Memoria - Nettuno, in Campo della Memoria - Nettuno. URL consultato il 07 febbraio 2018.
  2. ^ Webdimension Snc (info@webdimension.it), La vita per la Patria, su Il Pontino. URL consultato il 07 febbraio 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Aberto Sulpizi, Il Novecento ...e oltre!, in Nettuno. La sua storia, Pomezia, Arti grafiche s.r.l, 2010, pp. 91-92.
  • Andrea Lombardi, Il Comandante Bardelli . Una biografia. Edizioni Effeppi , pp 142 ISBN : 978600153927

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Seconda guerra mondiale Portale Seconda guerra mondiale: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di seconda guerra mondiale