Campionato francese di rugby a 15 1919-1920

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Campionato francese di rugby 1919-1920
Championnat de France de rugby à XV 1919-1920
Competizione Campionato francese di rugby a 15
Sport Rugby union pictogram.svg Rugby a 15
Edizione 24ª
Date dal 1919
al 1920
Luogo Francia Francia
Partecipanti 16
Formula partita unica
Sede finale Stade du Bouscat (Bordeaux)
Risultati
Vincitore Stadoceste tarbais
(1º titolo)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1913-1914 1920-1921 Right arrow.svg

Il Campionato francese di rugby a 15 1919-1920 fu il primo organizzato dopo la prima guerra mondiale e l'ultimo organizzato dall'Union des sociétés françaises de sports athlétiques (USFSA).

Il Stadoceste tarbais fu campione di Francia dopo aver battuto il Racing club de France in finale.

Gruppi di semifinale[modifica | modifica wikitesto]

Lo Stadoceste tarbais (vincitore della Coupe de l'Espérance 1919) superò lo Stade bordelais 9 a 5 (a Bordeaux) e l'US Perpignan (campione di Francia 1914) 16 a 8 (a Narbonne) dopo un primo pareggio 3 a 3 a Tarbes.

Nell'altro gruppo il Racing club de France (vincitore della Coupe de l'Espérance 1918) superò l'US Dax 13 a 3 (a Colombes) e lo Stade toulousain (vincitore della Coupe de l'Espérance 1916) 8 a 7 (a Tolosa).

A Dax, Toulosa e Dax pareggiarono 3 a 3.

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Bordeaux
25 aprile 1920
Stadoceste tarbais 8 – 3 Racing club de France Stade du Bouscat
Arbitro Octave Léry

Altre competizioni[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 maggio 1920, a Colombes, la Haute-Normandie ha conquistato la Coupe Revolle (torneo tra comitati regionali) battendo in finale il Littoral 10 a 0.

Nel campionato di Francia di seconda serie, l'Association Sportive Bayonnaise superò Lo Stade français 6 a 0 (dopo un primio pareggio 0 a 0 il 25 aprile a la Faisanderie)

L'Aviron bayonnais divenne campione di Francia delle "squadre riserve" battendo in finale le Stadoceste tarbais 9 a 6

In 4ª serie il SC Graulhet fu campione battendo il Podensac 3 a 0

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Le Figaro, 1920
Rugby Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rugby